Chiesa, l’arcivescovo di Napoli: Ho una frattura al piede ma sono vivo

23
In foto il cardinale e arcivescovo di Napoli, Crescenzio Sepe

Claudicante per una microfrattura del malleolo, l’arcivescovo di Napoli Crescenzio Sepe partecipa a una conferenza stampa per illustrare la partecipazione ad Assisi di una delegazione napoletana, e mette così fine a una serie di voci sulle sue condizioni di salute. “Nessuno sa meglio di me cosa è successo – scherza – e sono vivo”. Il riferimento è anche a illazioni che si erano susseguite dopo un malore durante le celebrazioni della festa di San Gennaro, seguito poi da un caduta accidentale durante il pellegrinaggio a Lourdes. “Avevamo finito la messa internazionale – racconta il cardinale – e stavamo per raggiungere la sagrestia. Ci avevano indicato un passaggio diverso per raggiungere il luogo. E dovevamo salire per una scala contorta, con gradini sconnessi. All’improvviso un addetto pieno di zelo apostolico ha deciso di aiutarmi e non l’avesse mai fatto … per stare attento a lui non ho visto il gradino e sono quasi caduto, e con il peso sono finito sul piede”. Il cardinale e’ stato poi visitato sul posto da una dottoressa italiana e accompagnato al pronto soccorso dove e’ stata riscontrata la frattura. Medicato, ha poi potuto prendere l’aereo per tornare a Napoli. “E qui mi hanno detto che dovro’ ingessare il piede – conclude – e’ fastidioso però”.