Iran, chi era Amirabdollahian, “il Soleimani della diplomazia”

20

Roma, 20 mag. (askanews) – Nell’incidente in elicottero in cui ha perso la vita il presidente iraniano Ebrahim Raisi, è deceduto anche il ministro degli Esteri della Repubblica islamica, Hossein Amirabdollahian.

Hossein Amirabdollahian è nato il 23 aprile 1964 a Damghan, una città nella provincia di Semnan. Nel 1991, ha conseguito una laurea in relazioni internazionali presso la Scuola di Relazioni Internazionali di Teheran ed ha proseguito il suo percorso accademico conseguendo un master in Relazioni internazionali presso l’Università di Teheran. Successivamente, ha completato un dottorato di ricerca in relazioni internazionali.

La sua carriera diplomatica è decollata all’inizio degli anni ’90, con incarichi che comprendevano diversi ruoli all’interno del Ministero degli Affari Esteri iraniano. Qui si è guadagnato rapidamente il riconoscimento dei vertici dello Stato per la sua profonda comprensione della politica regionale. Dopo essersi offerto volontario nella guerra Iran-Iraq dal 1980 al 1988, ha condiviso che questa esperienza ha influenzato la sua decisione di unirsi all’ufficio Iraq del Ministero degli Esteri iraniano nel 1990 e nel 1991.

Durante il suo mandato come viceministro degli Esteri per gli affari arabi e africani dal 2011 al 2016, Amirabdollahian è stato determinante nella gestione delle relazioni dell’Iran con i paesi arabi e africani. Ha svolto un ruolo cruciale nel plasmare la politica dell’Iran verso la guerra contro il terrorismo in Siria, mantenendo forti legami con Damasco.

Dopo aver prestato servizio come viceministro degli Esteri, Amirabdollahian è stato nominato assistente speciale del presidente del parlamento iraniano per gli affari internazionali. In questo ruolo, ha continuato a influenzare la politica estera dell’Iran, in particolare promuovendo la diplomazia parlamentare e rafforzando i legami legislativi con altri paesi.

“Amirabdollahian è un altro Qassem Soleimani nel campo della diplomazia”, lo aveva descritto un parlamentare iraniano dopo essere stato nominato dal presidente Ebrahim Raisi per la carica di ministro degli Esteri, nell’agosto del 2021. La sua nomina è stata vista come una mossa strategica per rafforzare gli sforzi diplomatici dell’Iran nel contesto dei negoziati in corso sull’accordo nucleare e delle tensioni regionali. La sua prima visita bilaterale ufficiale è stata in Siria, dove ha incontrato il presidente siriano Bashar al-Assad per riaffermare il sostegno dell’Iran al Paese.

In qualità di ministro degli Esteri, Amirabdollahian ha provato un approccio equilibrato, sostenendo forti alleanze regionali e perseguendo al tempo stesso un dialogo minimamente costruttivo con le potenze occidentali. È stato una figura chiave nei negoziati per rilanciare il Piano d’azione globale congiunto (JCPOA), noto come accordo sul nucleare iraniano.

A Teheran era apprezzato per il suo approccio, considerato pragmatico e strategico, alla diplomazia. Era spesso descritto come un abile negoziatore con una profonda conoscenza delle dinamiche geopolitiche del Medio Oriente. La sua visione della politica estera dell’Iran dava priorità alle relazioni con i paesi vicini e le potenze regionali per garantire stabilità e cooperazione reciproca.

Amirabdollahian ha cercato di mantenere solide alleanze con partner orientali come Russia e Cina, e all’inizio della guerra tra Israele e Hamas nella Striscia di Gaza non ha risparmiato sforzi per sollecitare le parti internazionali ad agire, condannare “Israele” e chiedere un cessate il fuoco immediato per porre fine “all’aggressione” dello Stato ebraico. Il massimo diplomatico iraniano ha anche riaffermato in un’intervista esclusiva per Al Mayadeen il fermo sostegno del suo Paese alle fazioni dell’Asse della Resistenza che, ha detto, agiscono in modo indipendente e hanno l’ultima parola sulle loro azioni.