Ischia porto, la spiaggia di ieri, oggi e domani

63
Risveglio nostalgico sull’isola che c’è…da anni pensavo di trascorrere una giornata sul lido che mamma e papà erano soliti prenotare per tutta la stagione estiva, il Bagno Maria, allora spiaggia e ristorante. Chi le ha saggiate ancora ricorda il sapore delle “crocchette e polpette” di Maria. Cosa è cambiato da allora. Intanto ora il ristorante si chiama Scalinatella e la gentilezza dei nuovi gestori e’ già un buon biglietto da visita mentre il Bagno Maria contempla solo la spiaggia, con  la stessa elegante tinta blu di sedie ed ombrelloni. Questo angolo di spiaggia, che fa da apripista alla progressione dei lidi che conducono al porto, una sorta di riva gauche di mare, rimane intatto nella sua bellezza. E nonostante negli anni le correnti marine abbiano ridimensionato la sua area, mi ha fatto piacere constatarne un progressivo recupero sabbioso. 
Dalla gara di capriole sulle onde alle corse nel gioco della bandiera nel pomeriggio tardo, al castello di sabbia più bello,  la giornata, intervallata dal pranzo a casa con riposo, aveva il suo scandire che tanto ci rallegrava. E quella lunga estate prolungata fino a fine ottobre a causa del colera, la più indimenticabile. Il figlio di Maria riservava ogni anno a ciascuna famiglia lo stesso ombrellone. Per me l’arrivo sull’isola significava ritrovare esattamente un anno dopo le stesse famiglie, molte giunte dal nord per ricongiungersi ai genitori e nonni ischitani. Mi ha sorpreso riconoscere proprio oggi una coppia di genitori di allora, seduta precisamente nella stessa fila di ombrelloni. Inevitabile pensare al senso del tempo che scorre, la memoria del passato, le sensazioni ancora vive, altro non sono che particelle significative di quelle memorie che ogni tanto emergono e richiedono di essere  rinnovate. Forse anche per dare vigore al cambiamento ed ad un passato che si fa presente . Amo questa isola in tutti i tempi e in tutte le stagioni, nel suo evolversi, anche nel fragore estivo di pieno agosto, perché chi ha imparato a conoscerla sa bene dove e come nutrirsi e ricaricarsi grazie alla sua generosità. La giornata è stata proprio come desideravo. A circa 30 anni di distanza ho respirato ancora l’intimità di un luogo caro. Se e’ vero che si ritorna sempre dove, da chi e da cosa ti fa e ti ha fatto star bene, vivere Ischia significa partecipare ad un incantesimo senza fine.

WhatsApp Image 2017 09 13 at 16.22.38

WhatsApp Image 2017 09 13 at 16.22.38 1
WhatsApp Image 2017 09 13 at 16.22.38 2
WhatsApp Image 2017 09 13 at 16.22.38 3
WhatsApp Image 2017 09 13 at 16.22.38 4
WhatsApp Image 2017 09 13 at 16.22.38 5
WhatsApp Image 2017 09 13 at 16.22.38 6