Laboratorio Sud: fondi alle coop giovani

70

Contributi a fondo perduto per l’acquisto di beni strumentali a favore delle imprese giovanili del Mezzogiorno e di quelle del centro nord promosse dalle 26 Diocesi in cui è attivo il Contributi a fondo perduto per l’acquisto di beni strumentali a favore delle imprese giovanili del Mezzogiorno e di quelle del centro nord promosse dalle 26 Diocesi in cui è attivo il Progetto Policoro della Conferenza episcopale italiana. A metterli a disposizione è la Fondazione Internazionale “Tertio Millennio” – Onlus, organismo senza fini di lucro promosso nell’ambito della cooperazione mutualistica di credito che annovera tra i propri soci Federcasse (la Federazione italiana delle Banche di credito cooperativo e casse rurali), Iccrea Holding spa, Iccrea Banca spa, Banca Agrileasing spa, il Movimento Cristiano Lavoratori. Per accedere ai finanziamenti le imprese dovranno aver predisposto un progetto di sviluppo economicamente sostenibile, finalizzato a creare occupazione e valore aggiunto per i territori di riferimento; essere costituite da almeno 12 mesi; avere la sede legale ed operativa nelle Regioni interessate; avere la forma giuridica di cooperativa, consorzio di cooperative, associazione; avere una compagine sociale composta per la maggioranza da giovani di età compresa tra i 18 e i 35 anni. Per partecipare al bando le Pmi interessate dovranno compilare il Fac-simile di richiesta edizione 2014 (scaricabile dal link in pagina nella versione elettronica del Denaro). Per le imprese del Mezzogiorno la richiesta va presentata alla Bcc territorialmente competente (o in sua assenza alla Diocesi del “Progetto Policoro” della Cei), che dovrà poi provvedere a trasmetterla, assieme alla documentazione richiesta, alla Fondazione Tertio Millennio – Onlus, corredata da propria valutazione favorevole, entro il prossimo 15 luglio. Le domande pervenute verranno valutate dal “Comitato di valutazione e controllo” del Progetto “Laboratorio Sud”. Entro il mese di novembre 2014 il Consiglio di gestione della Fondazione dovrà pubblicare la delibera di accoglimento dei progetti sostenuti che definirà anche l’esatto ammontare del contributo per singolo progetto. Con l’erogazione delle risorse verranno anche nominati dei “tutor” a sostegno delle imprese beneficiarie.