Parole dell’innovazione, la formazione degli imprenditori

37

Sono i talenti che migrano dalle aule universitarie e dai laboratori verso l’imprenditorialità.
Un’imprenditorialità altamente istruita e senza frontiere sta diventando sempre più cruciale in economie sufficientemente aperte per accogliere le acque di un grande fiume alimentato da numerosi affluenti. Si tratta di: gemellaggi internazionali di scienziati e imprenditori di successo; ricercatori e studenti che sfruttano la loro mobilità globale per creare alleanze imprenditoriali non ortodosse con colleghi di altri paesi; investitori che forniscono capitale di rischio a progetti imprenditoriali concepiti a livello internazionale; laboratori sperimentali per la creazione di nuove imprese; infrastrutture tecnologiche pionieristiche che ospitano in incubazione imprese appena avviate; e altri affluenti.
È nel punto d’incontro tra i talenti in mobilità e la nuova imprenditoria internazionale che i risultati della ricerca si traducono in beni e servizi commercialmente validi, offrendo significativi vantaggi finanziari alle università e, soprattutto, con un effetto benefico e imprenditoriale sulle comunità di ricerca.

Mappa della conoscenza
Così come concepita dalla ricercatrice Americana Xenia Stanford (The Knowledge Management Strategy Vee: A Framework for Creating a New Strategic Direction, in: Debra Amidon, Piero Formica, and Eunika Mercier-Laurent, Knowledge Economics: Emerging Principles, Practices and Policies, Vol. 2, Tartu University Press, 2005), una mappa della conoscenza si differenzia da una rappresentazione grafica di informazioni o di dati per la sua funzione e per il suo scopo. In genere, il fine di una mappa di informazioni è quello di mostrare ciò che abbiamo a disposizione e dove trovarlo. Mentre una mappa della conoscenza è fatta per aiutarci a imparare, costruire, dedurre, condividere, creare e rigenerare la conoscenza.
La mappa, che comprende un testo connesso a simboli, indicazioni, e percorsi, mostra le relazioni fra i concetti e il suo valore è commisurato a ciò che permette di conoscere in merito a:
• Che cosa possiedi di quanto hai bisogno, in modo da poterlo sfruttare.
• Che cosa possiedi che non è necessario, in modo da poter eliminare l’eccesso e concentrarti sugli elementi più importanti.
• Che cosa non possiedi di ciò che ti serve, in modo da poterlo ottenere.