Poste Italiane, tutti i risultati del bilancio 2021

264

Il bilancio 2021 di Poste Italiane registra un utile netto di 797 milioni di euro, più che raddoppiato rispetto ai 325 milioni del 2020, anno su cui incide la variabile pandemica. Crescono del 7,2 per cento i ricavi totali (9.691 milioni di euro), con un aumento dell’8 per cento di quelli dei servizi postali (2.742 milioni), in virtù delle dinamiche di e-commerce.
E’ quanto emerge dalla relazione della sezione Controllo enti della Corte dei Conti. Nella gestione si rileva una flessione (da 5.177 a 5.123 milioni) nei ricavi dei servizi BancoPosta, essenzialmente imputabile ai settori del risparmio postale (meno 32 milioni di euro) e dei conti correnti (meno 62 milioni).
Positivo, invece, il collocamento dei prodotti di finanziamento (più 48 milioni). I costi totali salgono a 8.807 milioni di euro (8.711 nel 2020), per le variabili legate alla crescita del business pacchi. La dinamica dei ricavi e dei costi porta a un risultato operativo e di intermediazione pari a 884 milioni, a fronte di un risultato 2020 pari a 330. Le disponibilità liquide 2021 si attestano a 3.869 milioni di euro, di cui 1.735 soggetti a vincolo d’impiego.