Terra di Lavoro spa, lavoratori su tetto

60
 
Un gruppo formato da una quarantina di lavoratori di Terra di Lavoro spa, la società della Provincia di Caserta che si occupa di manutenzione di strade e scuole superiori del Casertano, è salito su un balconata al primo piano dello stabile in via Ceccano, pieno centro, dove hanno sede gli uffici della società e dove ci sono ancora gli archivi dell’Ufficio Scolastico Provinciale (Ex Provveditorato agli Studi). I dipendenti chiedono certezze sul futuro, essendo scaduto ad aprile, a causa dei gravi problemi di dissesto finanziario della Provincia, il contratto di manutenzione delle strade, che non è stato rinnovato; a giugno, invece, con la chiusura dell’anno scolastico, scadrà anche il contratto per la manutenzione degli istituti superiori. A quel punto, per i 64 lavoratori di Terra di Lavoro, potrebbe aprirsi la strada del licenziamento; al momento però, a dispetto della crisi, gli addetti hanno comunque percepito lo stipendio, visto che Terra di Lavoro ha una propria autonomia finanziaria e contabile rispetto alla Provincia. Il paradosso, invece, è che i quasi 280 dipendenti dell’Ente non hanno ricevuto la retribuzione di aprile. Altro grave problema connesso alla crisi finanziaria della Provincia, che da tre anni non approva un bilancio, è la scadenza del contratto di pulizia delle due sedi dell’Ente, quella storica di Corso Trieste e quella nuova nell’area di periferia ex Saint Gobain, degli uffici del Centro Per l’Impiego e dei locali del Museo Campano di Capua. Altro paradosso si sta verificando proprio nel palazzo dell’ex Saint Gobain, dove hanno sede quasi tutti gli uffici anche dell’ex Provveditorato gli studi; accade così che i locali dove prestano servizio i dipendenti dell’Ufficio Scolastico Provinciale siano puliti, mentre ai piano inferiori, quelli della provincia, siano sporchi. Ieri intanto è stato posto sotto sequestro l’Istituto Superiore Tecnico Buonarroti di Caserta, perché i lavori di adeguamento strutturale appaltati dalla Provincia non sono terminati per la mancanza di fondi, e sono stati riscontrati gravi problemi di stabilità dei pilastri di sostegno.