Turismo sui pescherecci, aiuti fino a 60mila euro

30

Finanziamenti fino a 60 mila euro per le attività di pescaturismo nel Cilento. A metterli a disposizione è il bando attuativo della Misura 4.1 del Fep (il Fondo europeo per la Finanziamenti fino a 60 mila euro per le attività di pescaturismo nel Cilento. A metterli a disposizione è il bando attuativo della Misura 4.1 del Fep (il Fondo europeo per la Pesca 2007/2013) proposto dal Gruppo di azione costiera “Costa del Cilento”. La misura è dotata di risorse finanziarie complessive per 360 mila euro e trova attuazione esclusivamente nei territori di 15 Comuni del Salernitano: Agropoli, Ascea, Camerota, Casal Velino,Castellabate, Centola, Ispani, Montecorice, Pisciotta, Pollica, San Giovanni a Piro, San Mauro Cilento, Santa Marina, Sapri e Vibonati. Obiettivi Il bando punta a finanziare interventi di adeguamento delle imbarcazioni per la creazione di alternative di impiego e di reddito per i pescatori e i membri delle loro famiglie. Tra gli obiettivi ci sono la compensazione degli effetti socio-economici derivanti dalle azioni di contenimento dello sforzo di pesca, riduzione dell’impatto ambientale sulle risorse naturali locali, sostegno alla nascita di microimprese turistiche legate all’eco-turismo, diversificazione e arricchimento dell’offerte dei servizi turistici. Vengono, in particolare, incentivate le attività di pescaturismo, ittiturismo e pratiche turistico-ricreative come brevi escursioni lungo le coste, ristorazione a bordo o a terra, pesca sportiva. La diversificazione cui punta il bando non implica l’abbandono della pesca ma permette ai pescatori di svolgere un’attività aggiuntiva in un ambito differente da quello primario. Destinatari Possono accedere ai contributi i pescatori professionali, singoli o associati, che intendano svolgere attività di pescaturismo o ittiturismo nei territori dei Comuni cilentani, Sono esclusi i soggetti già destinatari di analoghi finanziamenti e che risultino debitori nei confronti della pubblica amministrazione, sulla base di provvedimenti di revoca o decadenza dei benefici concessi. Contributi Il contributo viene erogato in forma di cofinanziamento fino al 60 per cento delle spese ammissibili e può raggiungere, complessivamente, l’importo di 60 mila euro. Sono coperte dalle agevolazioni le spese di adeguamento dell’imbarcazione per lo svolgimento di attività di pescaturismo o ittiturismo, compresi i costi di certificazione; acquisto di attrezzature informatiche per il collegamento ad internet, realizzazione di un sito dedicato e di opuscoli e materiale divulgativo; spese sostenute per l’adeguamento del piano di sicurezza. Tutti i costi non coperti da contributo sono a carico del beneficiario che dovrà impegnarsi a coprirli fino alla completa realizzazione dell’intervento. Le candidature vanno presentate entro giovedì 17 aprile al Gac Costa del Cilento, presso l’ente capofila Comune di Castellabate, Piazza Santa Lucia numero 1.