Artigiani digitali, le domande da mercoledì

38

A partire dal prossimo primo luglio (ore 10) e fino al 25 settembre 2015 (dead line alle ore 12) sarà possibile presentare le domande di agevolazione per lo sviluppo dell’artigianato digitale e della manifattura sostenibile. Sul piatto il ministero per lo Sviluppo ha messo risorse per oltre 9 milioni di euro. L’intervento si chiama “Reti di impresa per l’artigianato digitale” ed è stato introdotto da un decreto ministeriale con l’obiettivo di sostenere programmi innovativi, localizzati sull’intero territorio nazionale e realizzati da reti di imprese, per la diffusione, la condivisione e lo sviluppo produttivo delle tecnologie di fabbricazione digitale. Il bando è aperto a reti di imprese (Associazioni temporanee di imprese, raggruppamenti temporanei di imprese, contratti di rete) o anche a consorzi che siano costituiti da almeno 15 aziende e vedano al loro interno la presenza di imprese artigiane o microimprese in misura almeno pari al 50 per cento dei partecipanti complessivi. Per accedere ai finanziamenti i programmi devono essere finalizzati al conseguimento di uno o più obiettivi tra quelli previsti dallo strumento agevolativo: creazione di centri di sviluppo di software e hardware a codice sorgente aperto per la crescita e il trasferimento di conoscenze alle scuole, alla cittadinanza, agli artigiani e alle microimprese; creazione di centri per l’incubazione di realtà innovative nel mondo dell’artigianato digitale; creazione di centri per servizi di fabbricazione digitale rivolti ad artigiani e a microimprese; messa a disposizione di tecnologie di fabbricazione digitale; creazione di nuove realtà artigianali o reti manifatturiere incentrate sulle tecnologie di fabbricazione digitale. I programmi dovranno, inoltre, prevedere spese ammissibili non inferiori a 10mila euro e non superiori a 1,4 milioni e forme di collaborazione con Istituti di ricerca pubblici, Università, istituzioni scolastiche autonome, imprese. Le domande di agevolazione potranno essere trasmesse tramite posta elettronica certificata all’indirizzo dgiai.artigianatodigitale@pec.mise.gov.it.

Scarica il decreto