Autobiografia e Narrazione

57

di Maria Elena Viscardi

Venerdì 24 gennaio, presso il Centro Metis, alle ore 16,30 si terrà la conversazione su “Autobiografia e Narrazione” in concomitanza con la presentazione dell’ultimo numero della Rivista Leggendaria. Interverranno la direttrice della Scuola di Alta Formazione in Counseling filosofico, Giovanna Borrello, docente di filosofia morale, Anna Catapano, Luisa Cavaliere, Anna Maria Crispino, Maria Liguori, Marina Vitale.
“Leggendaria. Libri, Letture, Linguaggi” è stata una vetrina dell’intelligenza femminile sin dal 1997, in sostanza si tratta di una rivista che ha dato voce a giornaliste e scrittrici di rilievo, diretta da Anna Maria Crispino. Leggendaria ha accolto anche scritti di autori maschili e nel 2001 ha ricevuto il Premio “Elio Vittorini”. La rivista tratta questioni complesse come l’identità, l’appartenenza, la soggettività, i modi della scrittura e le relazioni tra donne e si pone come coscienza critica del presente con un approccio multiculturale e multidisciplinare. Per far fiorire sempre più la scrittura di giovani donne e l’esercizio alla narrazione una sezione è dedicata ai giovani under 15. Nella rubrica “Lo Speciale” vengono pubblicati dialoghi, saggi o mappature bibliografiche ragionate su singoli temi o figure di rilievo, in quella denominata “Primopiano” vengono analizzate singole figure di scrittrici, artiste, pensatrici, in “Letture” sono segnalati libri di recente uscita, le altre rubriche trattano di eventi ed iniziative d’interesse pubblico nonché di tematiche interessanti per lo scenario politico-culturale attuale. La scrittura diviene mezzo d’espressione per narrare sé stesse, il mondo circostante e la realtà sociale in rapido mutamento sotto la spinta dei fenomeni di globalizzazione e di riorganizzazione degli assetti sociopolitici. L’atto dello scrivere diviene quel momento creativo che consente di riappropriarsi della propria storia personale e collettiva e della propria identità femminile, in un mondo ancora troppo spesso declinato solo al maschile. La Metis è la scuola di formazione, la palestra della mente, il luogo d’incontro che consente tramite la mediazione del counseling filosofico di esercitare l’arguzia femminile.