Il male incurabile

12
In foto Alon Bar
Alcuni finti cartelli turistici con su scritto “Ambasciata del genocidio” sono comparsi agli inizi di Maggio 2024 nelle strade attorno all’ambasciata d’Israele a Roma di cui l’Ambasciatore Alon Bar, nel quartiere Parioli.
Accanto alla scritta una freccia a indicare la direzione per raggiungere la sede diplomatica e un disegno di un edificio con tre torri e delle bombe che cadono dal cielo. I cartelli sono stati trovati in via Aldrovandi e in via Giacomo Puccini. Sulla vicenda indaga la Digos.
I punti cardinali ove indagare non sono lontani: l’antisemitismo non è mai morto e l’impaccio della sinistra che si trova suo malgrado a difendere le bandiere palestinesi va ben oltre i connotati politici di una tale campagna di odio. Si tratta di un problema culturale e sociale che interessa la nostra civiltà forse dal suo nascere è assolutamente non risolto nonostante la seconda guerra mondiale e le immagini cruentò ed assurde che ci ha restituito. Ci sono deboli in Ucraina come ci sono a Gaza; sono i bambini e le loro madri che non abbracciano il fucile ma anche se lo facessero sarebbe legittima difesa. Ben altro è quello che sta succedendo in Europa e nella striscia di Gaza: sono in gioco gli interessi di molte nazioni che nei loro accordi hanno posto il seme di una guerra assurda; sono i dettami imposto da molte assenze che alla fine cercano un leader despota come Erdogan . Per questo non ci possiamo illudere che le variabili in gioco siano poche; sono i portatori sani di una democrazia indiretta che ha condotto negli ultimi tempi una delle politiche più insane dell’Europa : essa doveva creare una nuova affezione eguale e perché no, superiore anche, di quella che ha unito le stelle e le strisce della bandiera americana. Il seme dell’odio però non è stato superato perché esso è nato proprio in Europa, in un continente così antico da essere progenitore degli stessi Stati Uniti senza essere fondatori di quel regime di libertà e solidarietà che dopo un periodo iniziale oscuro, si è andato diffondendo nel nuovo Continente.