Inner Wheel, si parla d’amore

64

A cura di Alessandra Giordano

Un pomeriggio tra amiche per parlare d’amore. È accaduto al circolo La Staffa dove l’Inner Wheel Club Luisa Bruni presieduto da Gabriella Giglio Manieri, ha invitato la scrittrice napoletana Valeria Parrella a presentare la sua ultima fatica. Dopo il successo del romanzo “Lo spazio bianco”, trasformato in film da Francesca Comencini, la Parrella, di recente tornata dall’estero per rimanere nella “sua” Napoli, s’immerge di nuovo con “Troppa importanza all’amore”, pubblicato da Einaudi, nella leggerezza della forma breve di “Mosca più balena” che l’aveva, anni prima, consacrata scrittrice. In quest’ultimo lavoro, la Parrella raccoglie tanti brevi flash di vita e l’amore viene raccontato in tutte le sue possibili sfumature. “L’amore è frastagliato – dice, infatti, l’autrice quarantenne – e va analizzato in tanti piccoli spot”. “Un personaggio lo si incontra una volta sola nella vita – ribadisce la Parrella – solo magari per pochi secondi, in un momento di crisi che non sempre è drammatico o di rottura”. Ed è questo il momento che la scrittrice coglie, immortalandolo nel racconto. A volte, però, succede che un personaggio prenda una strada esterna alla trama, e allora la casa editrice invita l’autrice a farne un breve romanzo. E forse da uno degli espisodi dell’ultima opera, “L’abbadessa”, un’altra Comencini, Cristina, farà un film.