Nuove vie per il gas Bulgaria strategica

51

A cura di Bruno Russo

Franca Serao GirfattiDurante il vertice di riga tra UE e Partenariato orientale, la Slovacchia ha siglato una dichiarazione comune con Romania, Ungheria e Bulgaria per l’interconnessione delle rispettive reti del gas in modo da consentire il reverse flow reciproco. L’accordo, raggiunto dai ministri degli esteri dei quattro paesi, ha lo scopo di aumentare la sicurezza delle forniture energiche nei quattro i paesi Ue. Il Console Onorario della Slovacchia a Napoli Franca Serao Girfatti, spiega che “per la realizzazione dei collegamenti i partner intendonoattingere a fondi europei e nazionali. Il progetto è divenuto strategico dopo la rinuncia dei progetti dei gasdotti Nabucco e South Stream. Sarà realizzato un nuovo gasdotto, per il momento chiamato ‘Eastring’, lungo 832 chilometri che attraverserà Slovacchia, Ungheria e Romania, oppure una sua versione più lunga, per 1274 chilometri totali, che dovrebbe raggiungere anche la Bulgaria”. L’andamento dell’economia slovacca negli ultimi due anni certifica lo stato di salute del Paese, che ha accelerato la crescita per il 2015, con un incremento del Pil del 3,1 per cento, grazie ai consumi interni e al turismo. “L’Italia – continua il Console Serao Girfatti – è uno dei Paesi più visitati e apprezzati dai turisti slovacchi, non solo per la cultura e le bellezze naturali, ma soprattutto per le eccellenze del Made in Italy, come le automobili, le moto, la moda, il design, ma anche l’industria aeronautica. Le imprese italiane che volessero intraprendere azioni promozionali sul territorio slovacco dovrebbero approfittare della favorevole economia, attraverso ll’Ambasciata d’Italia a Bratislava e l’agenzia nazionale per il turismo Enit, in grado di fornire qualsiasi servizio di consulenza”.