Papa Francesco: Il desiderio? E’ tensione verso il bene

42
in foto Papa Francesco

Il desiderio non è la voglia del momento. La parola italiana viene da un termine latino molto bello, de-sidus, letteralmente ‘la mancanza della stella’, del punto di riferimento che orienta il cammino della vita; essa evoca una sofferenza, una carenza, e nello stesso tempo una tensione per raggiungere il bene che ci manca”. Così Papa Francesco durante l’udienza generale in Piazza San Pietro. “Il desiderio ti fa forte e coraggioso”, aggiunge.
“Il desiderio allora è la bussola per capire dove mi trovo e dove sto andando – prosegue il pontefice – Una persona che mai desidera è ferma, forse malata. Ma come è possibile riconoscerlo? Un desiderio sincero sa toccare in profondità le corde del nostro essere, per questo non si spegne di fronte alle difficoltà o ai contrattempi. È come quando abbiamo sete: se non troviamo da bere, non per questo rinunciamo, anzi, la ricerca occupa sempre più i nostri i pensieri e le nostre azioni, fino a che diventiamo disposti a qualsiasi sacrificio per poterla placare, quasi ossessionati. Ostacoli e insuccessi non soffocano il desiderio, al contrario lo rendono ancora più vivo in noi”.