Storia diplomatica: Giovanni Lanfredini

60

Complice soprattutto l’appartenenza alla cerchia medicea, quello di Giovanni Lanfredini (1437-1490) è un nome che compare spesso in numerose pubblicazioni su Lorenzo il Magnifico e sulla Firenze del Rinascimento. La definizione con cui viene caratterizzato è solitamente quella di diplomatico, ma Lanfredini fu anche e prima di tutto un mercante-banchiere. La carriera di ambasciatore intesa in senso stretto occupò solo gli ultimi sei anni della sua vita, dal 1484 al 1490. Cercando di far emergere il lato meno noto di un rappresentante di un gruppo sociale «nuovo», molto attivo, ma destinato a rimanere in una posizione intermedia, la biografia tocca molte tematiche della storiografia attuale, dalle scelte politiche e strategie familiari alle alleanze matrimoniali, dal patronato alla committenza artistica.

La grande rivoluzione avviene proprio nella città di Firenze, dopo la peste e la crisi cercò di riscattarsi diventando Signoria, dopo esponenti signori si alternano in un’assemblea comunale nella gestione della città, le famiglie più importanti erano: – Albizi- Pitti- Pazzi- Medici, presero il sopravvento, il linguaggio diventa rilevante.Cosimo de Medici il vecchio è il primo di una lunga serie di uomini coprotagonisti del Rinascimento artistico, i Medici probabilmente lavoravano nell’ambiente farmaceutico poi intrapresero la carriera del marcante banchiere prestando soldi per poi investirli nel commercio e nel mondo dell’arte per costruire la propria immagine ed influenzare il popolo.

Nascono anche le corporazioni, a Firenze chiamate Arti, associazioni lavorative che uniscono persone dello stesso mestiere, anche loro investono soldi nell’arte. Fondamentale è la figura di Giorgio Vasari, un intellettuale ma anche grande architetto e politico, che progettò anche gli uffizi, decise di scrivere un libro per conservare informazioni sugli artisti antecedenti a lui, in “Le vite” vengono inserite una serie di biografie in ordine cronologico di artisti dal suo tempo fino a Cimabue.