Tanzania, una diga made in Padova

73

Una società del padovano, la “LR S.r.l.”, ha firmato un memorandum d’intesa (MoU) con il ministero dell’Agricoltura tanzaniano per “lo sviluppo di un progetto di irrigazione nella zona del Mara che prevede la costruzione di una diga e di una fitta rete di irrigazione che andranno a soddisfare le necessità idriche di un territorio di oltre 8.500 ettari”. Lo riferiscono fonti informate in Tanzania precisando che la firma è stata apposta oggi nella capitale tanzaniana, Dodoma, alla presenza della Presidente della Repubblica, Samia Suluhu Hassan. Ad assistere Lr nei negoziati che hanno portato all’ MoU, nell’impostazione delle successive fasi necessarie per la futura sottoscrizione del contratto commerciale e per la relativa componente finanziaria è stato lo Studio internazionale “Bergs & More”, viene precisato.   “Grande soddisfazione del Gruppo per l’inizio di un importante progetto per il paese e per una zona che, da lungo tempo, sta attendendo la realizzazione di infrastrutture necessarie per il proprio sviluppo e che, grazie a tecnologia italiana e israeliana, potrà presto vivere un cambiamento epocale”, ha dichiarato Hagay Maayan , vicepresidente del gruppo israeliano LR. L’Ambasciatore d’Italia in Tanzania, Marco Lombardi, e l’Ambasciatore tanzaniano a Roma, Mahmoud Thabit Kombo, hanno espresso “viva soddisfazione” per l’inizio di un progetto fortemente sostenuto dai due Paesi e che dovrebbe avere “importanti ricadute per il positivo svolgimento dei rapporti economici bilaterali”.     La formalizzazione dell’intesa preliminare italiana è avvenuta nell’ambito della firma di altri 22 accordi per realizzazione di altrettanti progetti di irrigazione di importanza strategica nazionale da affidare ad aziende straniere.