Accesso alle curie palliative anche da casa

59

Mario MorlaccoCon il decreto 46/2015, la Regione Campania fissa le linee e le modalità attuative per garantire l’accesso alle cure palliative anche presso il domicilio dei pazienti, così come stabilito dalla Legge n.38 del 2010. Il dercreto è stato firmato da Mario Morlacco, sub commissario ad acta alla Sanità della Regione Campania. Le modalità attuative previste dal decreto regionale ricalcano e riprendono le proposte da sempre sostenute dalle Associazioni e dalle Società scientifiche nazionali. Il provvedimento prevede, tra le altre cose, che le Asl possono avvalersi degli hospice pubblici o privati accreditati nell’erogazione di tutte le prestazioni palliative domiciliari in favore dei malati terminali. Gli Hospice devono mantenere i requisiti professionali e organizzativi e adeguare l’organico per garantire le attività domiciliari, garantendo inoltre personale e formazione adeguata come previsto dalle normative e dagli accordi in Conferenza Stato-Regioni.


Parte la fornitura triennale di ossigeno liquido in Campania: il servizio è partito il primo giugno, a fine mese dovrà essere a pieno regime. Tutte le asl sono pronte a partire con la distribuzione diretta, ha assicurato il sub-commissario alla sanità, Mario Morlacco. La modalità di distribuzione prevede che i piani terapeutici per le Ossigenazioni a lungo termine siano autorizzati dal distretto sanitario di residenza del paziente. Il Gruppo Psicologi Sanniti aderisce al Benevento Campania Pride. La manifestazione si terrà oggi, sabato 6 giugno, a Benevento, alle ore 15. “L’omosessualità non è una malattia. – si legge in una nota -. Questa affermazione non è da considerarsi un’opinione, bensì un dato ormai acclarato anche dall’Organizzazione Mondiale della Sanità sin dal 1990. L’eliminazione dell’omosessualità dalla lista dei disturbi mentali nel 1973 ha segnato una data storica in tal senso. Sono trascorsi più di quarant’anni, ma purtroppo ancora si riscontrano atteggiamenti poco illuminati nei confronti delle questioni riguardanti la sessualità e l’orientamento sessuale“. Gli psicologi, quindi, riconoscono l’onere e la responsabilità di dover contribuire ad eliminare le discriminazioni “L’Ordine degli Psicologi della Campania è stato tra i primi a codificare Linee Guida per la presa in carico di persone omosessuali”.


Le diagnosi precoci sono fondamentali per la cure delle patologie alla mammella. è l’obiettivo del Rotary Club di Cava dei Tirreni, che ha organizzato la quinta edizione de “Le domeniche della salute”, che si chiuderanno domenica 7 giugno. Tra le varie patologie mammarie diagnosticabili con l’ecografia (cisti, fibroadenomi, papillomi), il tumore della mammella è la neoplasia più frequente nelle donne: un quarto di tutte le diagnosi tumorali femminili, con un tasso di mortalità del 16% di tutti i decessi per causa oncologica.