Coronavirus, controlli anti assembramento a Chiaia: bar e negozi nel mirino

68

“Gli agenti dell’Unità Operativa Chiaia della polizia locale di Napoli hanno effettuato un’importante operazione di prevenzione e contrasto all’abusivismo commerciale a tutela dei consumatori in relazione al rispetto della direttive previste per il contenimento epidemiologico Covid-19”. E’ quanto si legge in una nota diffusa dal Comando di Polizia municipale in cui si precisa che “gli agenti hanno ispezionato numerosi esercizi commerciali in particolare per l’uso della mascherina e per la verifica degli assembramenti da Largo Sermoneta a Via Partenope. Durante i controlli, sono stati verbalizzati numerosi ambulanti sprovvisti di titoli autorizzativi alla vendita e per l’occupazione di suolo pubblico. Sequestrati quindi oltre 2000 articoli sprovvisti di marchio CE di dubbia provenienza. Nell’ambito delle operazioni di controllo sul territorio della Municipalità Soccavo-Pianura sono stati sorpresi alcuni soggetti intenti a conferire rifiuti nei cassonetti, in orari e modalità non consentite dall’O.S.‪10/10/2019. Opportunamente sanzionati, per gli sversamenti illeciti, ad alcuni di loro è stato anche sequestrato il veicolo perché sprovvisto di copertura assicurativa. Ulteriori sanzioni per il conferimento illecito di rifiuti, sono state elevate in via Vicinale dei Monti, contestualmente sono state rilevate numerose infrazioni al Codice della strada, in particolare per l’utilizzo del cellulare alla guida e per la guida con veicoli non coperti da polizza assicurativa”.
Nelle attività di controllo, “gli agenti hanno contestato ad alcuni esercizi commerciali della zona, delle occupazioni di suolo non regolari, contestualmente sono stati sorpresi e verbalizzati soggetti dediti all’attività abusiva di parcheggiatore”. Ulteriori controlli sono stati predisposti nell’imminente avvio dell’anno scolastico volti alla prevenzione ed al contrasto all’abusivismo commerciale a tutela dei consumatori. Gli agenti hanno sequestrato 800 prodotti di fabbricazione cinese consistenti in zaini, cartelle, astucci, materiale scolastico vario e giocattoli destinati all’ uso da parte dei minori, tutti potenzialmente nocivi e non rispondenti alle vigenti normative.