Coronavirus, tamponi per detenuti e agenti nel carcere di Poggioreale: via allo screening

137
in foto il carcere di Poggioreale

Inizia lo screening sanitario per il personale di Polizia Penitenziaria del carcere di Poggioreale, per tutti i detenuti che ne faranno richiesta e per gli stessi operatori sanitari. Lo rende noto l’Osapp, in una nota. “È un’operazione fortemente voluta dai sindacati di Polizia Penitenziaria e in particolar modo dall’Osapp”, sottolinea il vice segretario regionale Luigi Castaldo, “uno screening che ricopre una elevata importanza sul fronte della prevenzione medica e della sicurezza negli ambienti di lavoro”. Lo screening è stato predisposto e realizzato, fa sapere Castaldo, “grazie alla sinergia tra il direttore Carlo Berdini e il dirigente medico Vincenzo Irollo, con il supporto di tutta l’area sanitaria Penitenziaria del ‘Salvia’”. Per Castaldo l’elevata sicurezza posta in atto dal direttore dell’istituto penitenziario partenopeo, tra i più grandi ed affollati d’Europa e dal Provveditore dell’Amministrazione Penitenziaria Campania Antonio Fullone, “soprattutto in questo travagliato periodo storico epidemiologico, non ha eguali visto il forte dispendio di risorse al fine di prevenire e scongiurare eventuali focolai. A coordinare l’operazione, realizzata grazie alla direzione generale dell’Asl Napoli 1 Centro, sarà il dirigente aggiunto della casa circondariale Gaetano Diglio”, conclude Castaldo.