Ncd, G.Alfano: unire moderati, pronti al dialogo col Pd

69

Oggi dal paese viene una istanza diffusa e ben precisa: la ricostruzione dell’area moderata. L’Italia non può morire soffocata tra il populismo del M5s e la demagogia razzista della Lega. Per noi è importante dare seguito al progetto di Area Popolare con Udc, Scelta Civica, gli amici di Tabacci e tutti coloro che non vogliono rimanere imbrigliati in un soggetto ormai privo di direzione politica come Forza Italia“. A dirlo è Gioacchino Alfano, sottosegretario alla Difesa e coordinatore in Campania per Ncd, in una intervista al Corriere del Mezzogiorno. “Nel Pd di Renzi – continua – sta prevalendo una mentalità pragmatica, risolutrice, moderata e non ideologica. Io, da sottosegretario alla Difesa, ricevo dal Partito democratico una fattiva e costante collaborazione. Dal centrodestra, invece, continuo a subire attacchi demagogici e irresponsabili rispetto a una emergenza che va affrontata subito e che non può conoscere divisioni politiche. Non comprendo, quindi, come Nunzia De Girolamo faccia a scegliere di aderire a una coalizione nella quale oggi il leader incontrastato è Salvini, con tutto il corollario di intolleranza e di populismo e di demagogia che lo circonda“. E conclude: “Per la scelta del candidato sindaco di Napoli non ci faremo più dettare i tempi da nessuno. Alla gente non interessa più se sei di destra o di sinistra ma soltanto se risolvi i problemi. Dunque in breve tempo si decida cosa si vorrà fare della città di Napoli. Noi, anche con il Pd, ci siamo“.