“Race for the Cure”: a Napoli visite gratuite per soggetti disagiati

207

Stand e camper per visite mediche e un campetto di pallavolo in piazza del Plebiscito in occasione dei due giorni del Villaggio della salute allestito da Corsa per la cura . Tanti i napoletani che stamattina si sono messi in fila per accedere agli stand ed effettuare i controlli medici. ”Questa manifestazione – ha detto il presidente di Komen Italia, Riccardo Masetti – ha contribuito a cambiare il modo in cui le donne vivono l’esperienza difficile del tumore al seno rompendo il silenzio e la paura e insegnando loro a condividere le difficoltà’ che possono essere anche un’opportunita’ di ripartenza della propria vita”. Secondo i numeri forniti, ogni anno in Italia sono 55mila le donne che si ammalano di tumore al seno, malattia che una volta su 100 colpisce anche l’uomo. E nella lotta al cancro la parte del leone la fa la prevenzione: se la diagnosi e’ precoce le possibilita’ di guarigione sono pari al 90 per cento e con trattamenti meno invasivi. Qualora invece la diagnosi piu’ tardiva, le possibilità di guarire si riducono sensibilmente ed è necessario passare attraverso un percorso piu’ faticoso. Al taglio del nastro ha partecipato anche Aurelio De Laurentiis, presidente onorario di Komen Italia, che ha posto l’accento proprio sull’importanza della prevenzione. ”Bisogna dire alle donne – ha affermato – che un po’ per tedia, un po’ per ignoranza e un po’ per scaramanzia non fanno prevenzione, che invece la prevenzione e’ alla base di tutto per non ammalarsi: il male non va curato, bisogna prevenirlo e per prevenire e’ necessario controllarsi perche’ a volte un verdetto che puo’ essere fatale se curato in tempo non lo e” . Oggi e domani i napoletani potranno sottoporsi gratuitamente a visite ed esami strumentali per la diagnosi del tumore al seno e dei tumori ginecologici, del cancro al colon retto e alla pelle. Un’iniziativa che e’ rivolta in modo particolare a persone che vivono condizioni di disagio sociale ed economico. ”E’ necessario – ha detto il sindaco Gaetano Manfredi – fare attivita’ di prevenzione che siano sempre piu’ articolate e intense insieme alle Asl e alle istituzioni deputate perche’ sappiamo bene che alla base di tutto per non ammalarsi: il male non va curato, bisogna prevenirlo e per prevenirlo e’ necessario controllarsi perche’ a volte un verdetto che puo’ essere fatale se curato in tempo non lo e”’.