Synlab conclude l’acquisizione del gruppo Igea

839
in foto Fabio Tedeschi, amministratore delegato presso Irccs Synlab Sdn (Imagoeconomica)

Synlab, leader europeo nei servizi di diagnostica medica, ha annunciato ufficialmente il closing dell’operazione di acquisizione di gruppo Igea, centro diagnostico ad alta specializzazione, convenzionato con il Servizio Sanitario Nazionale, che conta due poli di grande rilievo per la sanità campana, a Sant’Antimo e a Grumo Nevano. Con la nuova partenza saranno riattivati tutti i servizi anche in regime di solvenza oltre che in convenzione con il Sistema Sanitario Nazionale.

In previsione l’estensione delle convenzioni assicurative nelle nuove strutture Synlab. Il processo di acquisizione, partito a dicembre 2020 e protratto dalla Prefettura di Napoli sino al closing, si è perfezionato nel corso del lungo periodo di commissariamento della struttura e ha consentito di fatto – è scritto in una nota – la continuità operativa e occupazionale dei due centri, mentre gli enti amministrativi ripristinavano le condizioni per il protrarsi del regime di convenzione e veniva tamponata la grave situazione debitoria.

Fabio Tedeschi, amministratore delegato presso Irccs Synlab Sdn, ha commentato: «Dopo due anni di lavoro molto complessi possiamo dirci soddisfatti per come si è conclusa questa acquisizione, che consentirà di continuare a garantire un servizio sanitario di eccellenza alla provincia di Napoli e alla Campania: un’operazione che definirei “di sistema”, che ha visto l’impegno congiunto di tutte le forze in gioco e ci ha visto supportati dalla sensibilità della Istituzioni nell’interesse dei 70 lavoratori impiegati da Gruppo Igea, del territorio e della salute dei cittadini”.