Universiadi, contest per la fiaccola: in gara Atenei e accademie regionali

54

Una fiaccola la cui fiamma arda per almeno mezz’ora senza spegnersi e che racchiuda in sè i valori etici dello sport e, al tempo stesso, un simbolo che identifichi la Campania nella sua storia e nelle sue tradizioni. E’ con questo obiettivo che è stato emanato il bando per la realizzazione della fiaccola per la 30esima edizione delle Universiadi 2019 a Napoli. La fiaccola, portata da tedofori scelto per l’occasione, sarà protagonista di un tour che toccherà le principali città universitarie italiane nell’anno accademico 2018-2019. Il concorso è diretto alle università e alle accademie della Campania e le proposte di progetto dovranno essere redatte da specifici gruppi di lavoro.
Ogni team dovrà presentare una sola proposta che dovrà essere supervisionata da un docente. Ciascuna istituzione valuterà le proposte progettuali e le invierà all’indirizzo mail fiaccola@universiade2019napoli.it entro e non oltre l’11 giugno di quest’anno, riportando nell’oggetto la dicitura “Concorso fiaccola Napoli 2019”, unitamente alla domanda di partecipazione.
La fiaccola dovrà essere originale, rispettare la disciplina di tutela del copyright, dovrà essere funzionale, ergonomica, leggera, maneggevole. Sarà una commissione giudicatrice a valutare e proclamare il vincitore. Il processo di selezione delle proposte sarà diviso in due fasi. In una prima fase i progetti presentati saranno valutati da una apposita commissione giudicatrice presieduta dal commissario straordinario dell’evento o da un suo delegato e composta da esperti del Coni, del Cusi e del mondo artistico campano. Successivamente le tre proposte che avranno ottenuto il punteggio superiore nel corso della prima fase, verranno presentate sui social media ufficiali della kermesse, dove inizierà la seconda fase del processo di selezione. Gli utenti potranno esprimere la propria preferenza creando una seconda classifica che andrà’ ad aggiungersi a quella sfilata dalla commissione. La commissione stirerà la graduatoria dei progetti di secondo il punteggio da questo ottenuto entro il 30 giugno 2018. All’università o Accademia che risulterà vincitrice sarà conferito un premio pari a 15mila euro spendibile in materiali, attrezzature didattiche o borsa di studio degli studenti.