Un brand per le Locande cilentane

81

Il Gruppo di azione locale apre un bando con fondi del Psr Campania 2007-2013, all’interno del progetto “European Country Inn”. Obiettivo: promuovere il turismo rurale dei territori partner attraverso una strategia Il Gruppo di azione locale apre un bando con fondi del Psr Campania 2007-2013, all’interno del progetto “European Country Inn”. Obiettivo: promuovere il turismo rurale dei territori partner attraverso una strategia di marketing comune. Domande entro il 2 febbraio Il Gal (Gruppo di azione locale) Cilento Rigeneratio ha pubblicato un bando a valere sulla misura 421 del Psr Campania 2007-2013, per l’individuazione di locande che possano essere ammesse al club di prodotto “Locande Cilentane” e utilizzarne il marchio nell’ambito del progetto “European Country Inn”. Obiettivo L’obiettivo generale del progetto è quello di promuovere il turismo rurale dei territori partner in maniera congiunta, attraverso la migliore organizzazione e qualità dell’offerta di servizi legati alla valorizzazione dei patrimoni storico-culturali (materiali ed immateriali) e naturalistico-ambientali, al fine di ricercare una massa critica di offerta sufficiente, rappresentata dal marchio, che consenta di adottare una strategia di marketing comune e riconoscibile nel mercato globale. Di che cosa si tratta Il progetto prevede l’individuazione, in centri di particolare interesse paesaggistico, culturale ed economico dell’area del Gal, di locali che rispettino caratteristiche tali da poter essere definiti “Locande cilentane”, in cui sia possibile recuperare antiche atmosfere e modelli comportamentali tipici del mondo rurale, bere buon vino e assaggiare prodotti tipici regionali, ben presentati e serviti, ricevere informazioni turistiche. Le locande così individuate aderiranno a un marchio comune (il marchio delle “Locande cilentane”) che sarà realizzato a cura del Gal Cilento Regeneratio e depositato presso la Camera di Commercio di Salerno. L’utilizzo del brand sarà concesso per due anni rinnovabili previa verifica del mantenimento dei requisiti indicati nel disciplinare. Chi può partecipare Possono presentare domanda di partecipazione i soggetti che possiedono due requisiti generali di ammissibilità: partita Iva (ditta individuale o società) e iscrizione presso il Registro imprese dell’ente camerale di Salerno. In particolare, possono candidarsi imprese commerciali di ristorazione e di alloggio temporaneo; imprese commerciali di vendita di prodotti agroalimentari; imprese di trasformazione o confezionamento; aziende agricole; imprese operanti nei settori dell’educazione, formazione, attività sportive e culturali, organizzazione di viaggi. Requisiti Le aziende dovranno avere la sede legale e operativa in uno dei Comuni dell’area del Gal ed essere in possesso delle caratteristiche tipiche delle Locande Cilentane che devono corrispondere tassativamente alle quattro tipologie di Locande rurali tradizionalmente presenti sul territorio: “cantine” (aziende vinicole che hanno attrezzato locali destinati pressoché unicamente alla degustazione dei propri vini accompagnata da piccole degustazioni di prodotti tipici proposti come piatti freddi; “Aziende del gusto” (laboratori di prodotti non enologici dedicati principalmente alla vendita del proprio prodotto tipico in cui si possono degustare altri elementi della tipicità); piccola trattoria o osteria rurale (rigidamente definita nelle dimensioni dell’offerta di ristorazione in termini di posti complessivi a disposizione – massimo 50 coperti complessivi – e di offerta gastronomica complessiva, che deve essere basata su un menù stagionale tipico del giorno e prevedere un’offerta alternativa contenuta; “ristorazione tipica” (esercizi dedicati alla ristorazione tipica che somministrano piatti della gastronomia regionale. Si tratta principalmente di agriturismi). Sede Le locande dovranno avere sede legale e operativa in uno dei Comuni dell’area del Gal: Agropoli, Campora, Cannalonga, Casal Velino, Castel San Lorenzo, Castellabate, Castelnuovo Cilento, Ceraso, Cicerale, Felitto, Gioi, Laureana Cilento, Laurino, Lustra, Magliano Vetere, Moio della Civitella, Montecorice, Monteforte Cilento, Novi Velia, Ogliastro Cilento, Omignano, Orria, Perdifumo, Perito, Piaggine, Pollica, Prignano Cilento, Rutino, Sacco, Salento, San Mauro Cilento, Serramezzana, Sessa Cilento, Stella Cilento, Stio, Torchiara, Valle dell’Angelo, Vallo Della Lucania. Le funzioni che le Locande cilentane sono obbligatoriamente tenute a svolgere nei confronti del territorio, della comunità locale, dei turisti, dei produttori e degli operatori economici sono cinque: punto di incontro ed elemento di aggregazione sociale e ricostruzione del senso di identità locale; servizio alla popolazione locale; offerta e servizio turistico; supporto commerciale; infrastruttura a supporto degli operatori locali. Domande I soggetti interessati potranno presentare domanda di partecipazione fino al 2 febbraio 2015 via Pec all’indirizzo cilentoregeneratio@pec.it o tramite raccomandata con ricevuta di ritorno o consegna a mano alla sede del Gal, Corso Umberto I, Frazione Capizzo – 84040 – Magliano Vetere (Salerno).


Chi può partecipare Imprese commerciali di ristorazione e di alloggio temporaneo imprese commerciali di vendita di prodotti agroalimentari imprese di trasformazione o confezionamento aziende agricole imprese operanti nei settori dell’educazione, formazione, attività sportive e culturali, organizzazione di viaggi Le tipologie ammesse Cantine Aziende del gusto piccola trattoria o osteria rurale ristorazione tipica I Comuni del Gal (sedi della locanda) Agropoli, Campora, Cannalonga, Casal Velino, Castel San Lorenzo, Castellabate, Castelnuovo Cilento, Ceraso, Cicerale, Felitto, Gioi, Laureana Cilento, Laurino, Lustra, Magliano Vetere, Moio della Civitella, Montecorice, Monteforte Cilento, Novi Velia, Ogliastro Cilento, Omignano, Orria, Perdifumo, Perito, Piaggine, Pollica, Prignano Cilento, Rutino, Sacco, Salento, San Mauro Cilento, Serramezzana, Sessa Cilento, Stella Cilento, Stio, Torchiara, Valle dell’Angelo, Vallo Della Lucania Scadenza 2 febbraio 2015