Vacanze in America, non dimenticare l’ESTA!

67

In questi tempi di Coronavirus le aziende nel settore viaggi non hanno vita facile. Ciononostante, molte persone continuano a non vedere l’ora di fare una vacanza: che si tratti di una crociera, una vacanza in città o una vacanza escursionistica in uno dei tanti parchi nazionali che si trovano negli Stati Uniti. Non è infatti sbagliato fantasticare su una possibile vacanza futura, quando sarà di nuovo possibile partire ed esplorare il mondo. Chiunque desidera recarsi negli Stati Uniti d’America, non deve dimenticare di richiedere un ESTA USA prima della partenza.

Da New York a Miami e oltre
Lo skyline di New York è ancora più impressionante quando ci si avvicina dall’acqua. La Grande Mela è un punto culminante di ogni crociera sulla costa orientale americana. Molte crociere partono dal Canada, seguono la costa lungo il New England e continuano verso sud attraverso Boston, New York e lungo la Carolina del Nord e del Sud fino alla costa di Florida con la sua vivace metropoli Miami.

Chi ama rilassarsi sulla spiaggia può continuare il viaggio verso le Bahamas e le Isole dei Caraibi: Cuba, Giamaica o ancora più a est verso le Antille. Alcune navi da crociera navigano intorno alla punta della Floria fino al Golfo del Messico.

Visitare le città
Le persone che non amano i viaggi in barca possono naturalmente prenotare anche un biglietto aereo e visitare una delle città degli USA. Si pensa a San Francisco con il suo Golden Gate Bridge, Las Vegas, Miami, Washington, Chicago e la famosa New York, ma anche a Honolulu, dove, oltre a rilassarsi sulla spiaggia si può visitare ad esempio Pearl Harbour.

Passeggiare nei bellissimi parchi nazionali
I viaggiatori che preferiscono rilassarsi nella natura possono recarsi in uno o più dei tanti parchi nazionali degli USA, alcuni dei quali sono addirittura nominato Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO, tra cui Yellowstone. Visita il famoso Grand Canyon nell’omonimo parco nazionale e goditi le viste mozzafiato, o recati nel parco nazionale di Sequoia, dove si trovano alcuni degli alberi più grandi di tutto il mondo.

Cosa significa ESTA?
Quando sarà di nuovo possibile viaggiare, tutto questo sarà di nuovo possibile. Anche se attualmente non è possibile recarsi negli USA a causa della crisi del Coronavirus, è possibile pianificare un viaggio futuro. Una volta deciso quali posti si vogliono visitare, è importante assicurarsi di essere ben preparati per il viaggio.

Per tutti i cittadini italiani che desiderano recarsi negli Stati Uniti vale che devono richiedere un ESTA o un visto prima della partenza. Oltre a prenotare i biglietti per la crociera o le camere in hotel, è quindi necessario richiedere un’autorizzazione di viaggio.

Per la maggior parte dei viaggiatori italiani vale che è sufficiente un ESTA, che può essere richiesto facilmente online e che viene di solito concesso entro 72 ore. Non importa se si arriva negli USA in aereo o per via marittima, in entrambi i casi si deve essere in possesso di un ESTA o di un visto.

ESTA e il Coronavirus
Anche se attualmente non è possibile recarsi negli USA, l’ESTA può già essere richiesto per un viaggio futuro. Un ESTA ha una validità di 2 anni, e può quindi essere utilizzato per due anni dal momento in cui viene concesso. L’ESTA permette di effettuare più viaggi in America durante questi 2 anni e ogni soggiorno può durare fino a 90 giorni consecutivi, il che è più che abbastanza per una crociera, un viaggio a New York o una vacanza escursionistica in uno dei parchi nazionali.

ESTA o visto?
L’utilizzo dell’ESTA è soggetto a una serie di condizioni. Oltre alla durata massima del soggiorno il viaggiatore deve soddisfare i requisiti per l’ESTA. Ad esempio, al momento dell’arrivo negli USA si deve già essere in possesso del biglietto di ritorno o di prosecuzione del viaggio e il viaggio deve avere finalità turistiche o d’affari. Prima di presentare una richiesta di ESTA è quindi molto importante verificare che si soddisfano tutti i requisiti.

Ad esempio, i viaggiatori che desiderano rimanere in America per più di 90 giorni consecutivi hanno bisogno di un visto. È necessario richiedere un visto anche se ci si reca negli USA per studiarvi o per essere assunto da un datore di lavoro americano.

Poiché la richiesta di un visto è più costoso e richiede più tempo, si consiglia di richiedere il visto solo se non si soddisfano i requisiti per l’ESTA USA.