Sorrento, al via il primo meeting dei Comuni campani #PlasticFree

71

Il Golfo di Napoli è uno scrigno di bellezze tra mare, spiagge, passeggiate nella natura, siti archeologici e luoghi sorprendenti. Un meraviglioso abbraccio tra la penisola flegrea e la penisola sorrentina, con le sue acque verde smeraldo e il profumo di limoni. L’importanza di salvaguardare patrimonio questo unico al mondo è stata ribadita alla conferenza stampa “1° meeting dei Comuni #PlasticFree della Campania. Le best practices per la riduzione dei rifiuti e dell’inquinamento dei mari”, promossa dal Comune di Sorrento e dalla Fondazione UniVerde, in partnership con Castalia Consorzio Stabile SCpA, Marnavi e l’azienda di servizi Penisolaverde Spa. Facendo seguito alla prima iniziativa nazionale di Tivoli, svoltasi lo scorso 24 novembre, i Sindaci della Città Metropolitana di Napoli e altri rappresentanti istituzionali dei Comuni della Campania, impegnati in azioni e buone pratiche per un passaggio consapevole e responsabile verso i principi dell’economia circolare, su invito del Presidente del Consiglio Comunale, Luigi Di Prisco, si sono incontrati a Sorrento, celebre località turistica impegnata in prima linea nella campagna per un turismo sostenibile e la pulizia del mare. Il meeting è stato organizzato all’indomani dell’entrata in vigore della legge contenente le nuove disposizioni sull’uso di prodotti in plastica monouso non biodegradabile e non compostabile: si tratta della norma di recepimento nazionale della “Direttiva UE n° 904/2019 Single Use Plastic” che vieta la vendita e l’utilizzo di bicchieri, cannucce, posate o piatti usa e getta.
“È un onore avere ospitato a Sorrento questo evento. Il sogno è quello di avere, da qui a due anni, una Campania sempre più virtuosa in campo ambientale, che metta in rete le grandi particolarità delle zone interne e le attrattive del Golfo di Napoli che, ci auguriamo, possa presto diventare plastic free. Ma soprattutto un modello, per tutta l’area del Mediterraneo, un simbolo di civiltà e di sviluppo ecosostenibile” ha dichiarato Luigi Di Prisco.