Start Cup Campania, al via la nona edizione. Iscrizioni fino al 23 aprile

78

di Paola Ciaramella

Torna la Start Cup Campania, la competizione promossa dai sette atenei della regione, che incoraggia lo sviluppo economico del territorio favorendo la nascita di imprese innovative e ad alto contenuto di conoscenza. Il concorso, quest’anno alla sua nona edizione, si inserisce nel contesto del Premio Nazionale per l’Innovazione, a cui prendono parte i vincitori delle edizioni locali; è rivolto a gruppi composti da almeno tre persone fisiche, sia italiane che straniere, in cui almeno il capogruppo provenga da uno degli atenei promotori, in qualità di docente o ricercatore, studente o dottorando, laureato, dottore di ricerca o appartenente al personale tecnico-amministrativo. Per prendere parte alla competizione è necessario elaborare un’idea imprenditoriale innovativa basata sulla ricerca scientifica – in qualsiasi ambito –, che sia frutto del lavoro originale del gruppo o di uno dei componenti; il contenuto innovativo può riferirsi alla realizzazione di un nuovo prodotto o servizio, al miglioramento di un bene, di un servizio, di un processo di produzione o di un metodo di commercializzazione, o ancora alla messa a punto di un nuovo modello di organizzazione o di gestione delle attività d’impresa. È possibile iscriversi fino alle 12:00 del prossimo 23 aprile, compilando e inoltrando in via telematica la domanda di partecipazione sul sito www.startcupcampania.unina.it, dal quale è possibile scaricare anche il bando. Da maggio a ottobre 2018 le idee imprenditoriali ammesse avranno diritto a usufruire di eventuali attività di formazione in aula e di tutoraggio, per la stesura del business plan; entro l’8 settembre, invece, i proponenti dovranno inoltrare il proprio progetto, in formato elettronico, alla Direzione del Premio. Il Comitato Scientifico, entro il 4 ottobre, attribuirà i premi disponibili – stilando una graduatoria di merito –, che saranno poi assegnati dalla Direzione durante la finale regionale. In palio ci sono riconoscimenti in denaro per i primi cinque classificati, rispettivamente di 5mila, 3mila, 2mila euro e due da mille euro. Saranno attribuiti, inoltre, il premio speciale “Pari Opportunità”, per la promozione dell’imprenditorialità femminile, e quello per i gruppi costituiti esclusivamente da studenti, che hanno presentato il business plan ridotto. Novità del 2018 è il premio “Contamination”, destinato ai gruppi formati da membri provenienti da almeno due atenei campani aderenti all’iniziativa, che presentino un progetto afferente ad almeno due tra le aree umanistica, tecnico-scientifica, delle scienze della vita e delle scienze sociali.