We Start Challenge: scade il 31 marzo la call per startup a impatto sociale

140

C’è tempo fino al 31 marzo per candidarsi a We Start Challenge, programma di accelerazione promosso dalle associazioni Impact e – nel 2018 – da Rotary Napoli Sud Ovest e Rotaract Napoli Sud Ovest. La competizione, alla sua terza edizione, è stata ideata da un gruppo di giovani professionisti campani – Antonio Ricciardi, Cosimo Calcagno, Vincenzo Scognamiglio, Pasquale Iorio, Vincenzo Diessa, Alessio Formicola e Ylenia Gramegna –, che hanno deciso di offrire a studenti e laureati un’opportunità che loro non hanno avuto durante gli anni dell’università: “Il nostro obiettivo era realizzare qualcosa che potesse mettere in condizione gli studenti, o coloro che avevano da poco terminato il percorso universitario, di fare scelte più consapevoli per l’ingresso nel mondo del lavoro, sperimentando e applicando ciò che avevano appreso teoricamente. Quando ho completato il mio ciclo di studi in Ingegneria e ho fatto un’esperienza di Erasmus in Inghilterra, mi sono reso conto che l’approccio educativo che c’è lì è abbastanza diverso da quello italiano: la ricerca viene svolta sempre in funzione di qualcosa che possa avere un’applicazione pratica e si fanno molti lavori di gruppo, per iniziare a capire le predisposizioni delle persone in un determinato impiego – racconta Antonio Ricciardi a IlDenaro.it –. Così abbiamo deciso di far ‘sporcare la mani’ agli studenti creando delle dinamiche di gruppo in cui ognuno, interagendo, potesse essere consapevole del suo potenziale ruolo all’interno di un’azienda; in una startup, infatti, vengono racchiuse quasi tutte le figure cardine presenti in un’impresa. Abbiamo avuto il costante supporto all’iniziativa da parte dell’incubatore certificato Campania NewSteel”. We Start Challenge si rivolge a idee innovative, progetti di impresa e startup ad impatto sociale, “che soddisfino non solo la voglia di fare profitto e fare business ma che abbiano una ricaduta sulla collettività. Possiamo pensare, quindi, a idee che presentino una sostenibilità sociale o ambientale, a progetti di riqualificazione o di inclusione sociale”. La call for ideas è aperta fino a sabato prossimo sul sito www.westartitaly.com: “C’è un form di registrazione in cui richiediamo il nome dell’idea, la descrizione, i benefici, l’impatto sociale e una presentazione in Power Point o Pdf”. Le opportunità in palio per i vincitori sono sette: l’accesso alla community di TimOpen e ai servizi inclusi per un anno; una postazione di coworking assistita presso l’incubatore Campania NewSteel; l’accesso allo step finale per l’ingresso nel programma di accelerazione di Luiss Enlabs di Roma (Premio Product Market Fit per il team in grado di rispondere in maniera più appropriata ad una reale necessità di mercato); tre mesi di incubazione presso SellaLab Salerno comprensivi di desk, mentoring e connessioni con fondi partecipati dal gruppo Sella; il supporto gratuito per l’accesso ai bandi Smart & Start da parte di Startup Europa; la partecipazione gratuita a Heroes Meet in Maratea, Euro-Mediterranean Coinnovation Festival (Prima classificata: 3Day pass per una persona all’Heroes; Premio Speciale Heroes: Ticket Exhibit per due persone più Desk esposizione per una giornata). E infine l’accesso gratuito per un team al programma di accelerazione di TechItalia Lab a Londra: “Quest’anno abbiamo aggiunto un elemento di internazionalizzazione. Noi siamo patrocinati dalla Regione Campania e dal Comune di Napoli: fino alla seconda edizione eravamo molto concentrati all’interno del nostro territorio, ma ora siamo riusciti a portare a termine una partnership anche con l’estero, con l’acceleratore TechItalia Lab, che sceglierà una startup per portarla a Londra e fare un percorso di accelerazione di un mese e mezzo”.

Pa.Ci.