Università, la denuncia di Giannola: Presto spariranno dal Sud

23

Entro 15 anni le università del Sud rischiano di sparire. La denuncia arriva dal presidente della Svimez, Adriano Giannola, nel corso del suo intervento al convegno su Innovazione e Mezzogiorno svoltosi ieri, lunedì 11 gennaio, a Benevento nella sede dell’Associazione Futuridea. Secondo Giannola ”c’è un progetto per distruggere le università del sud, che sta andando avanti con cinismo da circa 9 anni, e che rischia di farle sparire nel giro di 15 anni”. 

 
Il problema principale, secondo il presidente della Svimez, sono i criteri utilizzati per ripartire i fondi alle università: ”per esempio uno dei parametri adattati è dare più risorse a chi ha più studenti in corso. ”Al Sud – sottolinea – ci sono più studenti fuori corso a causa di difficoltà oggettive, come essere pendolare e dover impiegare tutti i giorni ore per arrivare all’università”. Poi un altro criterio è dare più fondi a chi ha la maggiore capacità di attrarre investimenti da privati ma ”è ovvio – rileva Giannola – che in una realtà con difficoltà di sviluppo e con poche imprese è più difficile attrarre investimenti di questo tipo”. 
In questo contesto ”che sta uccidendo le università del Sud, è chiaro che la creatività dei giovani si esprime in un solo modo andarsene”. Per il presidente della Svimez ”dobbiamo capire che bisogna cambiare verso: rovesciano il baricentro, costruiamo la nostra ricchezza sul Mezzogiorno, che la sua posizione geografica diventi una opportunità”. 
 
L’Italia è l’unico grande Paese europeo, sottolinea, esclusivamente mediterraneo e in questo dobbiamo trovare la spinta della ripresa: ”il Mediterraneo è pieno di tragedie ma è anche pieno di opportunità, vi transita tanta ricchezza ma il porto di Taranto è stato chiuso, Napoli non fa niente per avere un porto decente”. Cambiare verso per Giannola vuol dire anche puntare sulla sostenibilità: ”il Mezzogiorno è il luogo delle energie rinnovabili, trasformiamo Napoli da metropoli che emette CO2 in un’area che non la emette, usando le nuove tecnologie, come la geotermia”.