Infermieri Asl 1, ferma condanna dell’Ordine di Napoli

150
in foto Teresa Rea, presidente Ordine delle professioni infermieristiche di Napoli (foto fonte Facebook)

L’Ordine delle Professioni Infermieristiche della Provincia di Napoli stigmatizza il comportamento degli infermieri coinvolti nelle ultime vicende di cronaca e annuncia severi provvedimenti. “Magistrati e inquirenti godono della piena fiducia di quest’Ente e nel caso fossero confermate le accuse – si dice in una nota dell’Opi Napoli – giudichiamo gravissimi i fatti contestati per i quali saremo inflessibili. Oltre alla violazione dei fondamentali principi di etica professionale posti alla base della nostra professione – si sottolinea – vanno considerati i gravi rischi arrecati alla salute pubblica, le responsabilità civili e penali, e il grave danno d’immagine arrecato ad una professione che sta garantendo l’assistenza sanitaria ai cittadini in situazioni complesse e difficili, in grave carenza d’organico e con una pandemia che non molla”. In considerazione di ciò, “l’Opi Napoli – dice ancora la nota – tutelerà il buon nome della professione applicando in maniera severa i provvedimenti disciplinari previsti dal nostro ordinamento, anche a nome della stragrande maggioranza di infermieri che ogni giorno mettono a rischio la propria salute e spesso la vita per tutelare quella delle persone”.