Napoli, riapre la storica chiesa dei cinesi: cerimonia con Sepe, Forlenza e De Luca

552

Una manifestazione per restituire alla città di Napoli e a quanti hanno a cuore la cultura un importante complesso religioso che rappresenta un pezzo di storia importante della Napoli settecentesca. Si tratta di una storica Chiesa della Sacra Famiglia dei Cinesi, nell’ex complesso ospedaliero Elena d’Aosta, a ridosso del Rione Sanità e dell’evento organizzato per mercoledi 20 giugno alle 10.30 a conclusione dei lavori di restauro della struttura. La Chiesa della Sacra Famiglia dei Cinesi venne inaugurata nel 1732 grazie all’attività del sacerdote ebolitano Matteo Ripa (n.Eboli, 29 marzo 1682 – m. Napoli, 29 marzo 1746) missionario italiano che dedicò gran parte della sua vita alle missioni nelle terre dell’Estremo Oriente cinese, portò a Napoli il primo gruppo di cinesi e istituì il Collegio dei Cinesi, nucleo del successivo Regio Istituto Orientale, poi Istituto Universitario Orientale, trasformatosi infine nell’Università l’Orientale, ateneo di fama internazionale.
La Chiesa, chiusa nel 1814, venne costruita contiguamente ad un complesso immobiliare dove un tempo vi era appunto la sede della Casa o Collegio dei Cinesi. L’intero complesso religioso è stato oggetto di un importante intervento di restauro che ha riguardato l’apparato decorativo e le opere mobili, tanto degli interni della chiesa che delle pertinenze esterne, grazie alla Regione Campania e all’Asl Napoli 1, azienda proprietaria dell’intero complesso immobiliare sede attuale del presidio sanitario Elena di Aosta I lavori, iniziati alla fine di ottobre del 2009 (la prima pietra di inizio dei lavori è stata posta il 6.ottobre.2009 alla presenza del cardinale Sepe) dopo varie vicende con una lunga sospensione dal 2011 al 2016, sono stati portati a termine dall’impresa Lare, a fine febbraio 2018. Tutto ciò è stato realizzato sotto gli auspici del cardinale Sepe, con il continuo controllo del direttore generale della Asl Na1, Mario Forlenza che ha seguito, fin dal suo insediamento, i lavori, e per l’intervento del presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca.