Boscoreale in marcia per dire no alla camorra

70

Oltre duemila studenti delle scuole cittadine di ogni ordine e grado, divisi in due cortei, venerdì mattina sfileranno per le strade di Boscoreale “per dire No alla Camorra, alla Violenza e alla Criminalita’”. Uno dei cortei muoverà dal Piano Napoli Passanti, un quartiere che vive un forte disagio sociale e dove con più forza vanno riaffermati i temi e i principi di legalità e solidarietà. Un quartiere dove la scuola è un baluardo contro ogni forma di illegalità e di violenza. “Boscoreale in marcia” e’ stato fortemente voluto dall’assessore alla Legalità e Pubblica Istruzione, Valentina Mazzola, che ha messo al centro gli alunni che saranno i protagonisti assoluti della manifestazione che, a chiusura dei cortei, si terrà presso l’area mercatale di via Passanti. L’evento, che si svolge a conclusione di un percorso di studi, incontri e attività formative ed educative per la settimana della legalità svolto dagli alunni, è anche occasione per valorizzare l’impegno e partecipazione civile, per rafforzare i legami di solidarietà e per contribuire a costruire una società fondata sui valori della legalita’ e della giustizia. Per l’occasione gli studenti proporranno, quale spunto di riflessione, alcune le letture sulla legalità. E’ prevista la partecipazione dell’assessore regionale all’istruzione, Lucia Fortini, del vicesindaco della Citta’ Metropolitana di Napoli, Salvatore Pace, di Maria Luisa Iavarone, professore ordinario di pedagogia generale e sociale presso l’Università Parthenope, e di Luigi Coppola, testimone di giustizia, presidente del movimento per la lotta alla criminalità organizzata. “Una marcia per rinnovare il nostro quotidiano e continuo impegno di contrasto a ogni forma di illegalità e di violenza”, spiega il sindaco Giuseppe Balzano.