Ma Costa del Vesuvio dice no

22

“In merito al progetto relativo all’hub ferroviario di Pompei il Consorzio Costa del Vesuvio esprime tutta la propria contrarietà al progetto”. Lo spiega il presidente del Consorzio, Angelo Pica. “L’idea di fare crescere il turismo a Pompei e nella Costa del Vesuvio attraverso la creazione di una stazione ferroviaria che si colleghi direttamente agli Scavi escludendo la città – spiega Pica – è totalmente sbagliata e priva di qualsiasi analisi di flussi turistici ed economici. Si finirebbe con l’aumentare esclusivamente il numero degli escursionisti di un giorno, del turismo mordi e fuggi, con benefici minimi all’economia del territorio e nessuna crescita del numero di turisti”. Altre le cose da fare, secondo il presidente Angelo Pica: “La messa in sicurezza del territorio, con particolare riguardo alle aree contigue alle eccellenze archeologiche e storiche, da rendere gradevoli ed attraenti per i turisti; il miglioramento qualitativo e quantitativo dell’offerta alberghiera, un sistema di trasporti adeguato ed efficace, un cartellone di eventi culturali di qualità che duri 12 mesi valorizzando al meglio beni culturali unici al mondo quali il Teatro Grande di Pompei e le Ville Vesuviane del ‘700. Come si vede, interventi molto più ampi e produttivi di cambiamento del tessuto urbano ed economico”.