Cardarelli in “zona rossa”, Pronto Soccorso al collasso: la denuncia di Anaao Assomed

108
In foto l'ospedale Cardarelli

“A più di un anno di distanza dalla lotta contro il virus Sars/Covid19 siamo ancora qui a segnalare l’impreparazione e l’inefficienza dei meccanismi di controllo atti al contenimento della diffusione del virus. Il Pronto soccorso dell’ospedale Cardarelli e’ al collasso”. Lo denuncia il sindacato Anaao Assomed che domani, mercoledì 5 maggio alle ore 11.00 in via Sant’Aspreno, 13, terrà una conferenza stampa dal titolo: “Mentre Napoli e’ in zona gialla, il Pronto soccorso del Cardarelli resta in zona rossa”. “Il personale e’ stanco e ci sono troppi disagi organizzativi – dichiara il coordinatore provinciale di Napoli Franco Verde – sono saltati anche i minimi criteri di distanziamento sociale e di misure preventive al diffondersi del virus all’interno dell’ospedale. Alla luce dei deficit strutturali organizzativi, inerenti soprattutto agli spazi di cura, e’ chiaro l’elevato rischio di contagio per i nostri pazienti. Siamo costretti a segnalare delle vere e proprie scene da lazzaretto, con gli operatori sanitari che hanno dovuto imparare ad incastrare barelle in ogni angusto spazio libero, si sono creati inoltre delle condizioni di promiscuita’ con pazienti in ossigeno terapia e pazienti in cura per altre problematiche non respiratorie che condividono gli stessi spazi di cura”. L’Anaao Assomed ha inoltre inviato una lettera al presidente Istituto superiore sanita’ Silvio Brusaferro per chiedergli spiegazioni in merito alle “opposte dichiarazioni riscontrate tra un infettivologo dell’ospedale cardarelli ed un capo dipartimento dell’ospedale Cotugno sulla presenza di pazienti a bassa carica virale Covid nei reparti non Covid”. Prenderanno parte alla conferenza stampa Franco Verde coordinatore provinciale Napoli, Eugenio Gragnano segretario regionale, Rodolfo Nasti, segretario regionale, Luigi Orsini segretario aziendale. La conferenza stampa, sottolineano gli organizzatori, si terra’ in sicurezza secondo i dispositivi previsti per l’emergenza Covid 19.