D-Day Asfor, i Master Stoà “promossi” alla prova placement: l’85% degli studenti trova lavoro entro 6 mesi

163

Più di 8 studenti su 10 collocati nel mercato del lavoro, in posizioni qualificate, entro 6 mesi. E’ il placement il vero punto di forza dei Master Stoà, protagonisti questa mattina del “D-Day Asfor” a Capua, presso il Dipartimento di Economia dell’Università degli Studi della Campania Luigi Vanvitelli.

“I master Stoà accreditati Asfor HRM e MDGI sono percorsi formativi post laurea della durata media di un anno, con una prima fase d’aula e sei mesi di stage aziendali. Criteri stringenti di entrata e qualità dei master certificati consentono, entro 6 mesi dal conseguimento del titolo, l’85% di placement all’interno di realtà lavorative d’eccellenza”, spiega Enrico Cardillo, direttore Generale di Stoà.

Riflettori puntati su Impresa 4.0, una rivoluzione che richiede anche un forte adeguamento delle competenze alle mutate esigenze aziendali. Spiega Vincenzo Maggioni, dell’Università degli Studi della Campania Luigi Vanvitelli e referente scientifico dei master MDGI: “Sono sempre più specialistiche le conoscenze tecnologiche da acquisire per stare al passo con richieste di mercato e modelli di management avanzati, e i master Stoà, attraverso 1.700 ore di didattica tra lezioni e project work, rappresentano un modello efficace di adattamento ai continui cambiamenti del mercato del lavoro”.

“Sono entrato in Stoà nel 1991, nel cosiddetto periodo d’oro delle business school – aggiunge Francesco Izzo, direttore del Dipartimento di Economia dell’Università degli Studi della Campania -. Negli anni l’Istituto di Ercolano ha continuato a crescere e, grazie ai suoi corsi e master, garantisce le competenze necessarie agli studenti per essere assorbiti dal mondo del lavoro”. Qual è il segreto di tanto successo? “I master Stoà – prosegue Izzo – permettono di vivere un’esperienza totalizzante, con 8 ore di studio in aula al giorno per 5 mesi e poi stage in azienda, aiutando gli studenti ad acquisire le soft skill, che in realtà sono poco soft poichè insegnano a negoziare, ascoltare, comunicare e fare teamworking”.

E’ Enrico Viceconte, dirigente Stoà e referente scientifico dei master HRM, a introdurre i tre testimonial presenti – tutti ex allievi Stoà – pronti a condividere il proprio percorso.

Antonio Bologna, ex allievo MDGI e oggi analyst consultant Capgemini, spiega di aver deciso di fare il master alla fine della Magistrale: “Ho potuto vivere da vicino l’atmosfera delle aziende, calarmi nella loro vision, imparare come sia necessario pensare non più solo a se stessi come quando si studia per l’università, ma in un’ottica collettiva d’impresa”. Oggi Bologna lavora in Capgemini, società che conta 300mila dipendenti in tutto il mondo, di cui 300 a Napoli nel settore tecnologico, e considera fondamentale l’esperienza delle simulazioni di colloquio fatte durante il master per riuscire a gestire al meglio quello vero nell’azienda dalla quale è stato assunto.

“Io provengo da una laurea generalista, Scienze Politiche, e sentivo l’esigenza di professionalizzarmi per il mondo del lavoro – racconta, invece, Valerio Desiderio, Hr plant manager Snop Automotive ed ex allievo HRM -. Ho scelto Stoà e, a distanza di 10 anni dal master, lo considero un investimento eccellente, perché mi ha dato una base solida nel settore hr, oltre che buoni contatti professionali”.

La parola, infine, a Tiziana Torino, che si considera “un’eccezione alla regola”: si è iscritta al master HRM a 31 anni, quando già aveva una carriera avviata come avvocato. “Nel proprio percorso formativo – dice – l’importante è conciliare le conoscenze che si ricevono dal mondo accademico con quelle di una scuola manageriale come Stoà”. Oggi Torino è hr specialist Fenice ed insegna ai corsi hrm di Stoà.

Tante le domande arrivate dagli studenti presenti a fine incontro. E tanti i temi trattati: dalle motivazioni per avvicinarsi a un master specialistico ai test d’ammissione focalizzati su logica, cultura generale, valutazione curriculum, colloquio finale in lingua inglese.

D-Day Asfor 2019