Universiadi, il Cusi: Governo e enti locali pronti per lo sprint

78
in foto Lorenzo Lentini, presidente del Cusi

“Il Cusi ha dato il calcio d’inizio, ha portato in Campania le Universiadi. Siamo molto determinati, perché finalmente vediamo l’impegno concreto di tutti gli attori istituzionali. Del Coni, del governo e degli attori locali. Il commissario ha varato il piano definitivo degli interventi. Ora i progetti sono pronti e tutti le stazioni appaltanti devono partire con i bandi”. Così il presidente del Cusi, Lorenzo Lentini, lancia l’appuntamento di mercoledi’ a Roma, quando si terrà la prima riunione della cabina di regia nazionale per le Universiadi di Napoli 2019. Un tavolo composto dalla presidenza del Consiglio, con i ministri Luca Lotti (Sport), Valeria Fedeli (Istruzione) e Claudio De Vincenti (coesione territoriale), il presidente dell’Anac Raffaele Cantone, il presidente del Cusi Lentini, il numero uno della federazione internazionale sport universitari Oleg Matytsin, il presidente della Regione Vincenzo De Luca e il sindaco di Napoli Luigi de Magistris. Il tavolo esaminera’ il piano definitivo per le Universiadi che contiene tutti gli interventi necessari agli impianti sportivi ma anche la programmazione dei servizi e del personale che verra’ impiegato per i giochi universitari che coinvolgeranno Napoli e la Campania. L’investimento complessivo e’ di 256 milioni di euro: una cifra considerata bassa visto che la Campania ha deciso di non costurire nuovi impianti ma di ristrutturare la fitta rete di stadi e palazzetti esistenti. La cifra comprende 127 milioni per le infrastrutture e 130 milioni per i servizi. “Siamo al rush finale – spiega all’Ansa Lentini – e confidiamo che con l’impegno di tutte le istituzioni governative e sportive, l’evento si fara’. Il tempo delle polemiche e’ finito, ora bisogna lavorare”.