Blog Grillo, ‘trivellopoli’ è all’inizio

61

(ANSA) – ROMA, 4 APR Approvando “l’emendamento dello scandalo” il governo ha compiuto “un’operazione dagli effetti devastanti: ne tragga le conseguenze e si dimetta”. Così il blog di Beppe Grillo che torna sull’indagine petroli e attacca: “Trivellopoli è appena iniziata!”. Il blog, torna a chiedere le dimissioni del premier: “L’emendamento Total sul petrolio l’ha voluto il Bomba? E’ opera sua? Bravo!!! Adesso sì che deve andare a casa. Il Governo ha la responsabilità di aver approvato una norma viziata già all’origine”. Nel post si afferma inoltre che l’emendamento “sarebbe nato da indebite e frequenti pressioni e da numerosi incontri segreti, tutti per fini privati, fatti da esponenti del Governo con i petrolieri e con compagni dei ministri. La Total, addirittura, avrebbe scritto mail alla Boschi, facendole arrivare proposte, correzioni, integrazioni e modifiche al testo dell’emendamento. Insomma un via vai di bozze tra Boschi, Total e Shell e Mitsui che fungevano da vero e proprio Ufficio Legislativo per il Ministro”.
   

(ANSA) – ROMA, 4 APR Approvando “l’emendamento dello scandalo” il governo ha compiuto “un’operazione dagli effetti devastanti: ne tragga le conseguenze e si dimetta”. Così il blog di Beppe Grillo che torna sull’indagine petroli e attacca: “Trivellopoli è appena iniziata!”. Il blog, torna a chiedere le dimissioni del premier: “L’emendamento Total sul petrolio l’ha voluto il Bomba? E’ opera sua? Bravo!!! Adesso sì che deve andare a casa. Il Governo ha la responsabilità di aver approvato una norma viziata già all’origine”. Nel post si afferma inoltre che l’emendamento “sarebbe nato da indebite e frequenti pressioni e da numerosi incontri segreti, tutti per fini privati, fatti da esponenti del Governo con i petrolieri e con compagni dei ministri. La Total, addirittura, avrebbe scritto mail alla Boschi, facendole arrivare proposte, correzioni, integrazioni e modifiche al testo dell’emendamento. Insomma un via vai di bozze tra Boschi, Total e Shell e Mitsui che fungevano da vero e proprio Ufficio Legislativo per il Ministro”.