Buone notizie tra Ceinge e navi

30

A cura di Costantino Formica Settimana avara di notizie collegate all’innovazione se non premesse e promesse. Cominciamo dall’eterna promessa del rilancio del sistema portuale Napoli-Salerno: A cura di Costantino Formica Settimana avara di notizie collegate all’innovazione se non premesse e promesse. Cominciamo dall’eterna promessa del rilancio del sistema portuale Napoli-Salerno: spunterebbe un possibile ripensamento sull’unificazione gestionale dei porti di Napoli e di Salerno da parte del Ministro Lupi; attendiamo e ne sapremo di più e potremo capire se si tratta di una innovazione interessante o di pura logica politico-gestionale vecchia maniera. Notizie incerte, ma dense di polemiche ed aspettative contraddittorie, vengono dalla questione del possibile, anzi certo, commissariamento della gestione del risanamento e rivitalizzazione dell’area di Bagnoli. Le notizie, le illazioni, i messaggi cifrati anticipati circolano a iosa ma è difficile districarsi; è certo che da Roma non tarderanno e capiremo se il titolo di un quotidiano cittadino dei giorni scorsi è fondato, a proposito di “fallimento metropolitano”. Ma, spulciando bene, due buone notizie ci sono. La prima viene dalla Regione Campania-Assessorato ai Trasporti con l’annuncio che a Pozzuoli viene data via libera alle navi crociera; la prima nave, a livello sperimentale, arriverà il prossimo 16 del mese: appartiene ad una storica compagnia triestina e porta 400 crocieristi, che impatteranno con le capacità di accoglienza turistiche, culturali e commerciali della cittadina puteolana. E il nuovo premio a Franco Salvatore e al Ceinge, il Centro di ricerche biomedico di Napoli: al presidente Salvatore viene riconosciuto uno dei premi del “Pericles International Prize”, istituito dall’Alkmeon International Academy.