Idee creative, il primo premio va in Campania

42

Va in Campania, a Miriam di Sarno, studentessa del Liceo Scientifico “Alfred Bernhard Nobel” di Torre del Greco (NA), il primo premio della sezione individuale del concorso “Idee creative e zero Va in Campania, a Miriam di Sarno, studentessa del Liceo Scientifico “Alfred Bernhard Nobel” di Torre del Greco (NA), il primo premio della sezione individuale del concorso “Idee creative e zero rifiuti” promosso da Fondazione Coca-Cola HBC Italia, risultando prima tra altri studenti di Campania, Abruzzo, Basilicata e Veneto. Il concorso, suddiviso in tre sezioni distinte e inserito nell’ambito del programma educativo-esperienziale Fabbriche Aperte, ha impegnato complessivamente oltre 5.000 studenti delle regioni coinvolte nella creazione di lavori sul tema della gestione ecocompatibile dei rifiuti: Miriam di Sarno ha affrontato il tema in maniera creativa progettando e realizzando, con materiale riciclato, una lampada di design. Alla vincitrice, Fondazione Coca-Cola HBC Italia riconoscerà una borsa di studio con cui potrà acquistare materiali didattici a sua scelta. “Il successo di questa iniziativa è un’ulteriore conferma dell’impegno che il mondo della scuola profonde nel sensibilizzare le nuove generazioni ad adottare comportamenti di responsabilità sociale nei confronti dell’ambiente e delle comunità” – ha dichiarato Alessandro Magnoni, Direttore Comunicazione e Relazioni Esterne di Coca-Cola HBC Italia – “Fondazione Coca-Cola HBC Italia ha selezionato i moltissimi lavori ricevuti con grande scrupolo, data la qualità e l’originalità delle idee: ci auguriamo che questa esperienza sia stata divertente e abbia avvicinato sempre di più le nuove generazioni alle tematiche ambientali”. Ad aggiudicarsi la vittoria per la prova di classe nella sezione riservata alle scuole secondarie di primo grado la scuola “A. Caperle” di Verona, mentre vince la sezione riservata alle scuole secondarie di primo grado l’I.I.S “Alessandrini – Marino – Forti” di Teramo. Fabbriche Aperte è un’iniziativa promossa da Fondazione Coca-Cola HBC Italia, che da due anni accompagna gli studenti e i loro docenti in un percorso volto a scoprire il funzionamento di processi produttivi sicuri, sostenibili e innovativi con cui vengono prodotte tutte le bevande di Coca-Cola HBC Italia. Esperti scientifici poi, attraverso divertenti laboratori ludico-educativi sul tema dell’importanza dello sport, delle buone abitudini alimentari e della sostenibilità ambientale, introducono gli alunni nel mondo Coca-Cola, dove le tecnologie all’avanguardia a basso impatto ambientale e le moderne politiche socio-ambientali sono a garanzia e tutela della comunità e del territorio. Da gennaio 2014, gli stabilimenti Coca-Cola HBC Italia di Marcianise (CE), Nogara (VR), Oricola (AQ) e Rionero in Vulture (PZ) hanno accolto in totale oltre 8.000 studenti e circa 100 istituti.