Il Giappone a Napoli – Il consolato onorario

557

I rapporti e le rappresentanze diplomatiche  tra Napoli e Giappone iniziano nel lontano 1910 ‘ e precisamente l’8 Maggio l’Imperatore del Giappone conferisce la lettera patente con la quale dichiara aperta la sede

consolare giapponese nel golfo di Napoli.

Il Marchese Capomazza Marchese di Campolattara prende poteri quale primo Console Onorario del Giappone  eletto a Napoli dall’Impero Giapponese.

La guerra purtroppo segno’ la fine e la chiusura del consolato ed il marchese fu sollevato dall’incarico.

Nel 1921  Il principe Ereditario del Giappone Hirohito fece visita a Napoli.

L’Imperatore fece sosta a Napoli dopo aver visitato le capitali europee come suo primo viaggio in Europa.

NEL 1960 invece le relazioni fra i due paesi  si intensificano arrivando a stipulare un  gemellaggio con la scelta di Kagoshima come città’ Twin sister con Napoli 

la sottoscrizione porta la firma  dell’Ambasciatore d’Italia a Tokyo  S.E. Maurilio Coppini. Napoli e’ stata la prima città’ gemellata con un paese giapponese e per questo l’8 Dicembre 

la nave scuola Kagoshima Maru getta le ancore nel Porto di Napoli per festeggiare l’evento con a capo il comandante Ueda Sokye seguita con il Sindaco Sanetaka Hirase che in Kimono sfila tra le strade partenopee.

L’ufficio consolare a Napoli e’ stato sempre un punto di riferimento per  tutti i giapponesi presenti nel Golfo sviluppando ed intensificando i rapporti culturali e commerciali nei vari settori

in particolar modo  tra Kobe e Torre del Greco città’ quadrivia del commercio del corallo e delle perle con il Giappone dal lontano 1800′

Molti sono stati gli avvenimenti che il consolato ha svolto a Napoli dal 1979 al 2000 con la notevole esperienza ed operato del Console Onorario  l’avv. Michele di Gianni che per decenni ed oltre  e’ stato Console Onorario di Malta e poi  successivamente del Giappone.

L’avv. Di Gianni ci ha lasciato nel luglio del 2012.

I napoletani sono da anni legati agli amici del Sol Levante e questo legame si spera ….. possa  continuare   ee rafforzarsi nelle generazioni future

Sayonara