Napoli, a Marianella nasce il parco ecologico

64

Non una semplice isola ecologica ma un vero e proprio parco ecologico è quello realizzato dal Comune di Napoli e da Asia (Azienda per l’igiene urbana) a via Campano, quartiere Marianella, area a nord di Napoli. Accanto all’area per il conferimento dei rifiuti da riciclare è stato realizzato, grazie al recupero dello spazio prima abbandonato, un parco tematico che offre ai visitatori un percorso attraverso le energie rinnovabili e la corrette pratiche per effettuare la raccolta differenziata, ma anche un’area giochi e un’aula didattica dove insegnare come i rifiuti possono essere una risorsa. Il parco è stato intitolato all’ambientalista napoletano Antonio d’Acunto. ”Nonostante la crisi finanziaria che morde – dice il sindaco, Luigi de Magistris – abbiamo messo in campo un investimento importante in un territorio che da chi ha governato prima di noi era stato devastato da discariche e inquinamento. Noi non solo abbiamo interrotto quel processo criminale, ma abbiamo invertito la rotta mettendo in campo anche un’attività di riqualificazione del territorio restituendo alla città un’area prima degradata”.
L’isola sarà aperta il lunedì dalle 14 alle 19, dal martedì al sabato dalle 8 alle 19 e la domenica dalle 8 alle 14. Negli apposti contenitori i cittadini potranno lasciare ingombranti, apparecchi elettrici ed elettronici, vetri, pneumatici, vernici, toner. E’ inoltre stata allestita un’innovativa struttura automatica, realizzata da Asia in collaborazione con Olly, per il conferimento degli olii usati. Caratteristica dell’isola ecologica – come sottolineato dall’assessore all’Ambiente, Raffaele Del Giudice – ”è che è alimentata a energia solare. Con questa isola abbiamo completato il programma per dotare ogni Municipalità di una propria area di conferimento. Ora i rifiuti non devono e non possono più essere abbandonati in strada”. Un percorso che – secondo i dati riferiti – ha contribuito a portare la raccolta differenziata a Napoli al 35,9 per cento facendo registrare un incremento del 5 per cento rispetto all’anno precedente. ”Ci stiamo avvicinando alle altre grandi città nazionali e internazionali. Andremo avanti – assicura il presidente Asia, Francesco Iacotucci – vogliamo riuscire a coprire tutti i territori così che ogni cittadino possa avere nelle vicinanze un centro di raccolta e stiamo lavorando anche per creare aree attrezzate nel Centro storico dove gli spazi sono ristretti”.