Il pubblico alla ricerca della verità: prima al Sannazzaro per gli “Squalificati”

24
(foto di Luigi Maffettone)

di Emilia Ferrara

Venerdì 16 novembre la prima al Teatro Sannazzaro di Napoli dello spettacolo di Pere Riera con Stefania Rocca, Andrea de Goyzueta e Fabrizio Vona per la regia Luciano Melchionna.
Lo spettacolo sarà in scena ancora sabato alle ore 21 e domenica alle ore 18.
La storia inizia con un’apparente calma, ma poi comincia a prendere forma e grazie anche alle musiche e alle luci di scena imnesca negli spettatori tanto patos.
La giornalista più prestigiosa del paese affronta l’intervista più difficile della sua carriera: un faccia a faccia con il Presidente del governo, presumibilmente coinvolto in un crimine aberrante. L’astuto segretario stampa del Presidente farà tutto il possibile per convincere l’intervistatrice a dubitare di sé stessa, prima di tutto. Il pubblico riuscirà a conoscere la verità?
“Tener duro e non perdere la calma.” “E neanche la Dignità.” (se possibile) “Questa è la chiave.”
“Un gioco raffinato, una partita a scacchi esclusivamente tra re, cavaliere e torre avversaria tra declinazioni di potere, strategie prive di scrupoli e il giudizio calato dall’alto, con chirurgico e amabile cinismo, da parte di chi afferma sia impossibile sporcarsi le mani. Il tutto condito da accuse di molestie, ambiguità, rovesciamento delle dinamiche e dei ruoli, ricatti e amletiche scelte tra carriera e famiglia. La politica e i mass media a confronto: chi si salverà? Chi riuscirà a dimostrare o a far credere di essere immacolato? Dov’è il male, dov’è il bene in questa giungla ormai priva di riferimenti e valori, dove l’unico criterio valido, tra scivolate e colpi bassi è la selezione naturale e dove la sopravvivenza dei prescelti è delegata a qualche voto in più e allo share? Come riuscire a portare a termine la partita e magari vincere onestamente, senza per forza finire nella categoria ‘onnivora’ degli “squalificati”? Ai posteri l’ardua sentenza? No. Sta a noi, qui e ora, scegliere di ricominciare a rispettare le regole, così da non sentirci per il resto della vita dei bluff. Collusi oltretutto. Vittime e carnefici di noi stessi, prima di tutto”, spiega Luciano Melchionna.
In scena sul finale sono state messe e due gigantografie con relative frasi di due grandi menti.
Anna Stepanovna Politkovskaja: “l’unico dovere di un giornalista è dire quello che vede” ed “La libertà senza la giustizia sociale non è che una conquista fragile”, Sandro Pertini.

(foto di Luigi Maffettone)