Città di Partenope, premio da Napolitano

64

Sono ottomila i napoletani virtuosi che dal 2008 ad oggi hanno deciso di aderire alla comunità Città di Partenope. Una comunità importante che stasera, alla vigilia Sono ottomila i napoletani virtuosi che dal 2008 ad oggi hanno deciso di aderire alla comunità Città di Partenope. Una comunità importante che stasera, alla vigilia dell’evento annuale, vivrà un momento di grande importanza: il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano consegnerà una medaglia, un evento che lascia il segno anche in chi ha a che fare tutti i giorni con le emozioni. E’ questo il caso di Claudio Agrelli, il pubblicitario che con la sua Agrelli&Basta ha dato vita a Città di Partenope e che stasera sarà il regista del premio omonimo, ospitato a partire dalle 19.30 dall’Agorà Morelli di Chiaia, a Napoli. La medaglia, quale premio di rappresentanza, è stata destinata dal Capo dello Stato direttamente al “Presidente Agrelli” con gli auguri per l’iniziativa e come riconoscimento per il lavoro svolto in questi anni per promuovere i buoni esempi di un territorio spesso mortificato. Il migliore auspicio insomma per la serata che, del resto, si annuncia effervescente grazie anche al tema prescelto: “Dal senso cinico al senso civico, qual è il senso della responsabilità?” , con un dibattito pubblico aperto alla cittadinanza da cui Telese saprà senz’altro cogliere le provocazioni e le proposte più vivaci per la città. In sala, saranno presenti allora opinion leader ed istituzioni come Maurizio De Giovanni, Flavio Tosi, Giuliano Pisapia, Luca Abete e tanti altri tra cui alcuni dei protagonisti del libro fotografico “Partenope – Another way to see Naples” ovvero le storie di successo raccontate tra le immagini positive dell’urbanistica, la natura e l’umanità partenopea: Paolo Scudieri di Adler Group per l’industria, l’Ad di Gesac Armando Brunini per il turismo, i fratelli Bernardo di Piazza Italia per la moda e Giuseppe ed Alessandro Maiello di Idea Bellezza per la cosmetica, meritevoli questi ultimi di aver appoggiato la causa di Partenope diventando essi stessi cittadini attivi e propositivi nel comune intento di promuovere la città del sole. Attesi anche gli assessori regionali Severino Nappi e Caterina Miraglia, l’assessore provinciale alla legalità Patrizia Sannino, l’assessore comunale alla cultura Nino Daniele, l’economista Massimo Lo Cicero, l’Ad di Metronapoli Alberto Ramaglia, Carmine Petrone, Margherita Dini Ciacci dell’Unicef e numerosi intellettuali come Geppy Rippa. A seguire, il tunnel borbonico ospiterà un happening esclusivo con assaggi a cura di Monzù a lume di candela con sottofondo di musica napoletana antica.