Egitto, Fincantieri studia la fornitura di 2 navi militari: Cdp garante

4162

Fincantieri studia la fornitura di due navi militari all’Egitto. L’operazione, soggetta ad un lungo iter autorizzativo, è pressoché definita per la parte finanziaria, come apprende Il Sole 24 Ore Radiocor, con un finanziamento export banca. Il dossier è stato esaminato martedì dal cda di Cassa Depositi e Prestiti per la concessione di una garanzia fino a 500 milioni con il coinvolgimento della controllata Sace, specializzata nelle assicurazioni internazionali. Nell’operazione sono coinvolte anche IntesaSanPaolo, BNP Paribas e Santander. Fincantieri, interpellata, non commenta.

L’operazione di export banca per Cdp rientra nella missione istituzionale della spa di via Goito ed è un punto qualificante del piano industriale firmato dall’amministratore delegato Fabrizio Palermo. Cassa spa offre, attraverso questo strumento, un sostegno alle politiche di sviluppo del Paese in sinergia con il sistema bancario. Fincantieri, intanto, sabato scorso ha varato nei cantieri di Riva Riva Trigoso, a Genova, l’ultima fregata della classe ‘Fremm’, prevista dalla commessa di dieci unità alla Marina militare italiana. Nel corso della cerimonia, il presidente dell’azienda italiana della cantieristica, controllata Cdp, Giampiero Massolo, ha dichiarato, in riferimento alla fregata Fremm che è il prodotto di un progetto italo-francese, “consegniamo al Paese uno strumento innovativo, simbolo di sviluppo tecnologico, altissima competenza e versatilità operativa”.