Green Blue Days, successo per Taranthon. Sonia Cocozza: Indurre Gen Z a cambio di mentalità

220

Successo per Taranthon, la Circular Action svoltasi ieri all’Arsenale della Marina Militare nell’ambito dei Green Blue Days, il primo forum sulla sostenibilità sistemica in programma a Taranto dal 9 all’11 ottobre per la sua seconda edizione.
Attivata in collaborazione e co-progettazione con l’Università degli Studi di BariAldo Moro”, Il Dipartimento Jonico e il BaLab, il Politecnico di Bari e l’IRISS CNR, la coinvolgente maratona progettuale a squadre ha visto ragazzi, docenti, esperti e mentori cimentarsi in 8 sfide: idrogeno verde, orto-domestico, casa elettrizzante, econauti, Nft, Tpl, packaging, comunità di energia rinnovabile. Sfide che sono state lanciate da altrettante aziende, da Axpo Solar presente con il project manager Pasquale Caiazzo Le bebè con Dario Cimino, da Hyperloop Italia con il founder Bibop Gresta a Enea con il ricercatore Luca Nardi, da Enel X con Biagio Olivito a Kyma Amat con Mimmo Russo, fino a Opilex Lawfirm con Matteo Falchetti e Hubstrat con Rossella Amendola.

Sonia Cocozza (Co-founder): Indurre ragazzi a un cambio di mentalità
E’ il Co-founder e Creative Director dei Green Blue Days Sonia Cocozza a commentare l’iniziativa in una diretta con “Cittadella alla radio”. “L’obiettivo era avvicinare i giovani, la Gen Z, alle tematiche della transizione, incentivando quelle che sono le buone pratiche e aiutandoli a costruire percorsi che guardino a nuovi modelli economici e culturali, che abbiano come priorità lo sviluppo sostenibile”. A doversi confrontare con sfide ecosostenibili sono stati studenti dai 17 ai 35 anni d’età. “Ciò che mi ha più colpito è stato il bilancio in termini di restituzione da parte dei coach”, ha sottolineato ancora Cocozza. Il riferimento è alla soddisfazione espressa da coloro che hanno condotto i laboratori, che hanno a loro volta espresso parole di apprezzamento per l’iniziativa, dicendosi “arricchiti” da Taranthon. “La missione è stimolare i ragazzi ed indurli ad un cambio di mentalità. Taranto è città dalle tante opportunità”, ha aggiunto la Creative Director dei Green Blue Days. “Noi crediamo davvero che questa sia la città in cui potrà essere possibile narrare la transizione ecologica, energetica, ambientale, sociale, etica nella sua totalità. Ecco perché siamo ben contenti di essere a Taranto il 9, 10 e 11 ottobre. Per dar voce ai tanti attori che parteciperanno a questa tre giorni e porranno ulteriori sfide sulla sostenibilità”. Le squadre vincitrici della Taranthon, intanto, saranno premiate all’evento in programma a metà ottobre.