Investimenti per 50 mln e 150 assunzioni: Getra lancia le linee strategiche per i prossimi 5 anni

500
in foto Marco Zigon (ph. Carlo Capodanno)

Investimenti complessivi per 50 milioni di euro con un incremento della forza lavoro di 150 unità, l’apertura di un nuovo stabilimento in Campania e la costituzione ex novo, attraverso una partnership locale, di una realtà manifatturiera all’estero dedicata alla costruzione di trasformatori di grande potenza ed alta tensione.

Nel suo 75esimo anno di età Getra – realtà manifatturiera del settore energetico con quartier generale nella zona industriale di Marcianise, cinque società, due stabilimenti in Italia, una branch a Dubai e il 70% del volume d’affari in export – decide di scommettere ancora sul futuro lanciando per il prossimo quinquennio le linee strategiche che porteranno il fatturato dell’azienda a quota 250 milioni di euro.

“Al raggiungimento dei 75 anni di attività, il Gruppo Getra compie un salto che è dimensionale e qualitativo ma soprattutto culturale puntando a consolidare la sua posizione a livello nazionale e a conquistare nuovi mercati a livello internazionale – spiega il presidente Marco Zigon –. Le linee strategiche per i prossimi 5 anni ci vedranno impegnati a crescere nel mercato dell’energia in termini di investimenti, occupazione e fatturato accompagnando lo sviluppo con misure rivolte al benessere dei lavoratori, all’introduzione controllata dell’intelligenza artificiale, all’adozione di pratiche amiche dell’ambiente. Tutto questo avviando nuove e prestigiose partnership accanto a quelle storiche mentre emerge in azienda una nuova generazione con la presenza sempre più determinante delle mie figlie Ludovica e Claudia accanto a manager di comprovata esperienza”.

Investimenti, internazionalizzazione, partnership, sostenibilità, occupazione e wellbeing sono le cinque direttrici di marcia lungo le quali si svilupperanno le linee strategiche finalizzate a costruire la “nuova Getra”.

Gli investimenti saranno diretti su quattro capitoli: Innovazione, attraverso lo studio delle possibili applicazioni dell’intelligenza artificiale nella gestione della fabbrica, l’automazione e la digitalizzazione dei processi produttivi per gli stabilimenti di Getra Power e Distribution; Reshoring, con la realizzazione di una nuova fabbrica in Campania per la manifattura di componenti strategici, attualmente acquistati all’estero; Sostenibilità, puntando su processi di ottimizzazione dei consumi energetici e autoproduzione da fonti rinnovabili per ridurre l’impatto ambientale delle lavorazioni; Internazionalizzazione, con l’apertura di un nuovo stabilimento in un Paese con elevato fabbisogno di apparecchiature e impianti per la transizione energetica. Sud America, Stati Uniti e Balcani Occidentali sono le tre aree geografiche in cui Getra è già presente e su cui scommettere attraverso la costituzione di partnership strategiche, ma non prima di aver effettuato un’attenta analisi della concorrenza, delle normative e dei requisiti locali volta a identificare i mercati target.

Due i progetti che saranno sviluppati sul fronte della sostenibilità: per ogni stabilimento saranno installati un impianto di monitoraggio, con l’obiettivo di ottimizzare e ridurre del 30% i consumi per unità di prodotto, e un impianto fotovoltaico, per un valore complessivo di 1,5 milioni e una produzione di energia annuale da 2,5 MW/h. L’energia così autoprodotta consentirà non solo di coprire il 50% del fabbisogno aziendale ma anche di immettere in rete ben 600mila KW/h.

in foto da sinistra Giuseppe Di Salvo, Claudia, Marco e Ludovica Zigon (ph. Carlo Capodanno)

Infine, il capitolo wellbeing e occupazione che Getra punta a incrementare, in un mercato del lavoro diventato estremamente concorrenziale, attraendo e fidelizzando nuove risorse umane attraverso una precisa tabella di marcia articolata in cinque azioni: creare un clima aziendale accogliente tramite interventi di welfare come campagne di prevenzione sanitaria, polizze integrative salute, sportello di assistenza psicologica, polizze infortuni, smart working e flessibilità, bonus natalità; mettere in palio borse di studio per i figli più meritevoli dei dipendenti; individuare i migliori collaboratori, incentivando, tra l’altro, la partecipazione a progetti di miglioramento per favorirne e riconoscerne i contributi creativi; premiare i dipendenti con le migliori prestazioni, individuando anche percorsi personalizzati per coloro che hanno il potenziale di ricoprire ruoli di responsabilità; organizzare interventi di aggiornamento continuo e formazione manageriale e tecnico-professionale; realizzare attività di employer branding, attraverso la comunicazione su come si lavora in Getra, dando la parola ai collaboratori del Gruppo sui social media.