Organo di disciplina alle urne, addio al conflitto d’interesse

74

Demandare il controllo disciplinare degli avvocati a un organismo terzo potrà soltanto rafforzare l’Ordine”. Ne è convinto Maurizio De Tilla, presidente dell’Associazione nazionale avvocati italiani. Napoli e Salerno sono tra gli Demandare il controllo disciplinare degli avvocati a un organismo terzo potrà soltanto rafforzare l’Ordine”. Ne è convinto Maurizio De Tilla, presidente dell’Associazione nazionale avvocati italiani. Napoli e Salerno sono tra gli ultimi distretti – dei 26 totali – chiamati alle urne per votare i componenti dei Consigli Distrettuali di Disciplina, gli organismi che entreranno in vigore dal primo gennaio e ai quali la Nuova disciplina dell’ordinamento professionale conferisce il compito del controllo disciplinare sugli avvocati iscritti all’albo. “Isolare il controllo disciplinare e rimetterlo a un organismo terzo – prosegue De Tilla – azzera il conflitto d’interesse di un Ordine finora costretto a giudicare i propri iscritti. È una grande garanzia di indipendenza”. I componenti sono eletti dai Consiglieri degli Ordini del distretto, con il rispetto della rappresentanza di genere. Proprio la quota di genere è uno dei punti chiave delle nuove modalità di elezione dei componenti dei consigli degli ordini forensi. “Dopo la proroga legislativa – precisa De Tilla – stanno per scattare i tempi per le nuove elezioni, che si terranno a gennaio. Tra le novità in arrivo, l’aumento dei consiglieri per i grandi Ordini, una proporzionalità tra il numero dei consiglieri e quello degli iscritti e una quota di un terzo riservata alle donne. Su un punto, però, l’Anai esprime dissenso: quella norma, a nostro avviso pasticciata, che prevede sia il voto individuale sia il voto per lista che si trasmette automaticamente a tutti i candidati della lista. In realtà le due votazioni sono incompatibili e la norma va eliminata”. La soluzione, secondo il presidente Associazione nazionale avvocati italiani, è optare per il voto individuale, escludendo quello per lista.