Paolo De Castro nuovo presidente del Comitato scientifico di Nomisma

233
in foto Paolo De Castro

Rinnovato il Comitato scientifico di Nomisma. Il Cda ha nominato (fino a maggio 2023) il professor Paolo De Castro. I componenti sono Carlo Borgomeo, presidente della Fondazione con il Sud; Domenico Dino Brancale, amministratore delegato di Avl Italia; Carlo Cottarelli,direttore dell’Osservatorio sui Conti Pubblici Italiani- Università Cattolica di Milano; Catia Bastioli, amministratore delegato Novamont; Sonia Bonfiglioli, presidente Bonfiglioli Group; Sergio Dompé, presidente Dompé Farmaceutica; Giulio Malorgio, professore dell’Università degli Studi di Bologna; Alessia Mosca, Segretario Generale dell’Associazione Italia, Asean; Raffaele Borriello, direttore generale Ismea; Anthony Luzzato Gardner, già Ambasciatore Usa presso l’Unione Europea; Patrizio Bianchi, professore Università degli Studi di Ferrara; Gian Maria Gros-Pietro, presidente Intesa Sanpaolo (presidente uscente del Comitato Scientifico).
Il presidente Nomisma Piero Gnudi sottolinea: “Abbiamo deciso di promuovere un Comitato Scientifico che raccolga al proprio interno personalità del mondo accademico, dell’impresa e esperti nei propri ambiti di appartenenza. Intendiamo questo Comitato come luogo ove sia possibile promuovere la nascita di gruppi di competenze, task force settoriali, think tank per supportare valutazioni sugli scenari internazionali e le possibili ricadute sull’economia italiana seguendo quella mission che da quarant’anni caratterizza l’impegno di Nomisma”. “Negli ormai quasi quarant’anni di attività – osserva il neo-presidente del Comitato scientifico, Paolo De Castro – oltre a rappresentare un riferimento nazionale e internazionale come Società di studi economici in diversi campi dell’economia, Nomisma ha prodotto tanta classe dirigente; tanti giovani e meno giovani che hanno frequentato Palazzo Bargellini hanno fatto carriera nel settore pubblico, come in quello privato, spesso raggiungendo posizioni apicali e di grande responsabilità. Anche la mia esperienza personale credo ne sia la prova. D’altra parte il nome stesso della società “Nomisma” cioè ‘il valore reale delle cose’, ha distillato da subito, in modo inequivocabile, tratti distintivi e propensioni della Società di studi. Credo che quella intuizione sia valida ancora oggi e che un rinnovato Comitato scientifico possa rilanciare e contribuire a svilupparla ancora!”.