Addio all’attore Walter Maestosi: fu un protagonista degli sceneggiati tv Rai in bianco e nero

320
in foto Walter Maestpsi

L’attore Walter Maestosi, che si è diviso tra il cinema, il teatro e la televisione, affiancando l’attività di interprete a quelle di doppiatore e regista teatrale, è morto a Roma all’età di 87 anni. I funerali sono stati celebrati oggi nella chiesa romana degli artisti in piazza del Popolo Nato a Roma il 24 settembre 1934, dopo la laurea in giurisprudenza, Maestosi si diplomò nel 1960 all’Accademia nazionale d’arte drammatica e iniziò la carriera in teatro, diretto, tra gli altri, dai registi Silverio Blasi, Guido Salvini, Orazio Costa, Edmo Fenoglio e Mario Landi, approdando quasi subito anche nella prosa radiofonica della Rai. Nella seconda metà degli anni ’60 Maestosi divenne un volto noto della televisione in bianco e nero partecipando a molti sceneggiati della Rai, come “Le inchieste del commissario Maigret”, “Ritorna il tenente Sheridan”, “Sheridan, squadra omicidi”, Un certo Harry Brent”, “Nero Wolfe”, “La donna di picche”. Maestosi ha recitato anche al cinema: è apparso in una trentina di film come “La grande notte di Ringo”, “El Rojo”, “Uccidete Rommel”, “La lunga spiaggia fredda”.