Bper, nuovi responsabili per le Direzioni territoriali: Pulignano per la Campania

62
in foto una filiale Bper (Imagoeconomica)

Nell’ambito della riorganizzazione della struttura distributiva di Bper Banca, il consiglio di amministrazione ha nominato i responsabili delle 9 nuove Direzioni Territoriali, che saranno operative da gennaio 2022: Dt Nord Ovest (Piemonte, Liguria, Pavia) Giuseppe Aimi; Dt Lombardia Ovest (Milano, Bergamo, Varese) Luca Gotti; Dt Lombardia Est-Triveneto Maurizio Veggio; Dt Emilia Ovest Giuseppe Sibilla; Dt Emilia Est-Romagna Massimo Biancardi; Dt Centro Ovest (Toscana, Umbria, Lazio) Luigi Zanti; Dt Centro Est (Marche, Abruzzo, Molise) Giuseppe Litta; Dt Campania-Puglia-Basilicata Salvatore Pulignano; Dt Calabria-Sicilia Giuseppe La Boria. Le Direzioni Territoriali faranno riferimento a Stefano Vittorio Kuhn, che assume la responsabilità di tutta la Rete Commerciale e riporta a sua volta al Vice Direttore Generale Vicario e Chief Business Officer Stefano Rossetti. “La nomina dei direttori territoriali – dichiara Piero Luigi Montani, amministratore delegato di Bper Banca – completa la revisione e semplificazione del modello organizzativo che abbiamo attuato in piena coerenza con la nuova dimensione assunta della Banca. L’obiettivo è raggiungere una sempre maggiore efficienza e adeguare il nostro modello di relazione con la clientela alle migliori pratiche di mercato. Con la scelta di chi assumerà il nuovo e delicato incarico, raccogliendo il testimone da colleghi che hanno profuso il loro impegno in questi anni e a cui va un sincero ringraziamento per il lavoro svolto, si completa un processo di integrazione molto positivo. Abbiamo voluto accomunare, all’insegna del merito e del rinnovamento generazionale, esperienze e provenienze diverse, ma caratterizzate da un elevato livello di competenza, frutto di percorsi formativi qualificati e di solide esperienze professionali. Con queste premesse sono certo che la struttura manageriale rinnovata saprà svolgere al meglio il ruolo fondamentale di anello di congiunzione con le economie dei territori”.